rotate-mobile
Cronaca Santarcangelo di Romagna

A Santarcangelo arriva il campo aperto con la raccolta “fai da te” delle fragole

"Offriamo un’esperienza unica - dice Luca Squadrani della Società Agricola L’Arcangelo - e si possono vivere momenti rilassanti, immersi nella natura, raccogliendo fragole mature al punto giusto"

Molti cittadini hanno deciso di fare il pieno di natura con la raccolta della frutta “fai da te”, una scelta motivata dalla voglia di stare all’aria aperta, ma anche di fare una spesa di qualità e a km zero: dalla pianta alla tavola, senza intermediazioni. Tra le proposte più apprezzate c’è quella di  Luca  e Leonardo Squadrani, due giovani coadiuvanti della Società Agricola L’Arcangelo s.s. di Santarcangelo di Romagna, che lo scorso weekend hanno aperto i cancelli della azienda di famiglia  nella vallata dell’Uso adiacente proprio alle porte dello stupendo borgo medioevale. E’ stato un vero e proprio boom di presenze.

"Offriamo un’esperienza unica - dice Luca Squadrani – a chi viene nei nostri campi. Si possono vivere momenti rilassanti, immersi nella natura, raccogliendo fragole mature al punto giusto. Il nostro modello di produzione è equilibrato, pratichiamo la lotta integrata ed utilizziamo metodi di coltivazione naturali per offrire un prodotto sano e genuino. A seguire, in base all’andamento stagionale, si farà la raccolta delle ciliegie  e altra frutta". Giorgio Ricci, vice Direttore di Coldiretti Rimini sottolinea che "questa formula di raccolta “self service” capovolge il rapporto fra clienti e produttori: non è più il prodotto a raggiungere il consumatore, ma viceversa. Una forma di acquisto che diventa esperienza ludica e divertente, un’occasione per conoscere più da vicino la realtà dei produttori e vivere qualche ora a contatto con la natura".

"Quando la frutta è matura – spiega Edoardo Squadrani, socio fondatore della azienda – su appuntamento a chi vuole fare la spesa direttamente dalla pianta spieghiamo brevemente le varie fasi della coltivazione e i segreti per raccogliere i frutti senza fare danni alle piante". "Sembra un limite – conclude il Direttore di Coldiretti Rimini Alessandro Corsini - ma in realtà fa parte del “gioco” e serve anche per far comprendere e rispettare i segreti della stagionalità e della coltivazione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Santarcangelo arriva il campo aperto con la raccolta “fai da te” delle fragole

RiminiToday è in caricamento