menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abusi edilizi, i controlli salgono a quota 752: sigilli a due cantieri e 35 richieste di demolizione

L'assessore Frisoni: "Non arretriamo di un passo, oltre all'illegalità, gli abusi interferiscono con la pianificazione territoriale sostenibile"

Resta alta l’attenzione da parte dell’Amministrazione Comunale sul fronte del contrasto all’abusivismo edilizio. Anche nei primi mesi del 2019 i controlli condotti dall’apposito ufficio della Polizia Municipale e dal Settore controlli edilizi hanno riportato risultati importanti, in continuità con il trend registrato negli ultimi anni. Al 30 giugno sono 752 accertamenti svolti relativi a controlli presso cantieri e/o immobili e ad indagini di polizia giudiziaria; 474 atti di polizia giudiziaria redatti per il completamento delle notizie di reato e delle indagini di polizia giudiziaria; 124 notizie di reato trasmesse a seguito degli accertamenti svolti; 32 violazioni contestate per mancanza di certficato di collaudo; 14 violazioni contestate per false dichiarazioni; 47 deleghe di indagine svolte a seguito di disposizioni della locale Procura della Repubblica; 2 cantieri sottoposti a seguestro penale preventivo su delega della locale Procura della Repubblica. 35 ordinanze di demolizione e 6 ordinanze di diffida alla demolizione

 “Già nel 2018 avevamo dato una ulteriore sterzata alla già attenta attività di controllo e di accertamento – sottolinea l’assessore alla Programmazione e gestione del territorio Roberta Frisoni – e al giro di boa del 2019 si conferma la volontà dell’Amministrazione di non arretrare sul fronte del contrasto delle forme di abuso edilizio che, oltre a essere fonte di illegalità, interferiscono col percorso avviato dall’Amministrazione per una pianificazione territoriale sostenibile. Un’attività di monitoraggio che si integra con il percorso intrapreso dall’Amministrazione per snellire procedure e pratiche, in un’ottica di semplificazione per utenti e uffici e che possa agevolare il rilancio in modo stabile del settore edile. Credo – conclude l’assessore Frisoni - che si stia diffondendo una maggiore sensibilità e attenzione anche da parte della cittadinanza rispetto alla salvaguardia del territorio e sulla necessità di condividere una strategia che metta al centro la riqualificazione e la rigenerazione urbana”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Ritenzione idrica: come eliminarla in poche mosse

Ristrutturare

Come trasformare una finestra in un balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento