rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca

Accise ridotte, benzina e diesel meno cari: ecco da quando scatta il taglio di 25 centesimi al litro

Per effetto di questo taglio, finalmente diminuiranno un po' i prezzi dei carburanti

Nelle prossime ore il prezzo della benzina e del diesel scenderà ben al di sotto dei 2 euro. Sono stati pubblicati nella notte tra lunedì e martedì sulla Gazzetta Ufficiale i decreti decisi in Consiglio dei Ministri la scorsa settimana che contengono le misure urgenti per contrastare gli effetti economici e sociali del conflitto in Ucraina. Per effetto di questo taglio, finalmente diminuiranno i prezzi dei carburanti. Fino a pochi giorni il prezzo medio rilevato dal ministero dell'Economia per un litro di verde era di 2,184 euro al litro (0,728 di accise, 0,394 di iva e 1,062 il prezzo netto): con un pieno di 40 euro si potranno risparmiare 12 euro (1,879 al litro, con 0,478 di accise, 0,339 di iva e 1,062 il prezzo netto), da 87,36 a 75,16 euro. Il diesel invece scenderà da 2,154 (0,617 di accise, 0,388 di iva e 1,148 il prezzo netto) a 1,848 (0,367 di accise, 0,333 di iva e 1,148 il prezzo netto) , con un risparmio di circa 13 euro.

In molti distributori in realtà i prezzi sono già segnalati in diminuzione, ma quasi da nessuna parte la discesa è in picchiata come sarebbe naturale conseguenza dopo il taglio via decreto legge di 25 centesimi al litro, nonostante siano passati ormai quattro giorno da venerdì, dal Consiglio dei ministri che ha varato il provvedimento. I benzinai avevano messo in chiaro che ci sarebbe voluto del tempo prima di vedere lo sconto alla pompa di benzina. Le accise, spiega la federazione italiana dei gestori di carburanti, calano dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, ma non i prezzi alla pompa. Nulla si dice sulle quantità già immesse al consumo al momento dell’entrata in vigore del decreto, quindi con le accise vecchie. Inevitabile che i tempi si siano già dilatati dal momento dell'annuncio di venerdì. Aspettando il taglio delle accise, nel weekend le compagnie hanno tenuto fermi i prezzi raccomandati di benzina e gasolio. Nel frattempo il Governo ha approvato anche il bonus benzina

Tale prevede la concessione di massimo 200 euro di buoni esentasse per tutto il 2022. Si tratta della concessione di “un importo fino a 200 euro di buoni benzina esentasse per il 2022. Sostanzialmente, buoni benzina o analoghi titoli, ceduti a titolo gratuito da aziende private ai lavoratori dipendenti per l’acquisto di carburanti, nel limite di 200 euro per lavoratore. Detto importo non concorre alla formazione del reddito“. In poche parole, le aziende potranno scegliere se 'donare' il bonus ai dipendenti, esattamente come funziona con altri benefit aziendali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accise ridotte, benzina e diesel meno cari: ecco da quando scatta il taglio di 25 centesimi al litro

RiminiToday è in caricamento