Accoltellamento fuori dal locale, condannati gli autori dell'aggressione

Due giovani di Gradara rimasero feriti gravemente nella zuffa con un gruppo di nomadi dopo una discussione per futili motivi

Si è concluso con la condanna dei tre maggiorenni, mentre il minore se l'è cavata senza conseguenze, il processo che vedeva alla sbarra un gruppo di nomadi sinti accusati di aver accoltellato due ragazzi di Gradara fuori dal ristorante La Mulata nel febbraio del 2019. Per l'autore materiale dei fendenti, il 22enne Ismaele Gabrielli, è stata inflitta la pena di 4 anni e 8 mesi, 2 anni per il fratello 25enne Davide e 4 anni per il loro amico Nicolas Gabrieli di 27 anni. L'aggressione era avvenuta nella notte tra l'8 e il 9 febbraio quando, all'esterno del locale, era nata una discussione per futili motivi. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti dell'Arma, il gruppo di nomadi avrebbe avvicinato le vittime nei pressi della fermata dell'autobus davanti al ristorante "La Mulata" in viale Torino verso l'1. L'obiettivo dei malviventi sarebbe stato quello di derubare i due 23enni e, al loro rifiuto, era scattata l'aggressione. La banda degli aggressori è poi scappata mentre, a terra, sono rimasti i ragazzi feriti soccorsi dal personale del 118 arrivato sul posto con due ambulanze e due auto medicalizzate. I giovani di Gradara erano stati trasportati col codice di massima gravità all'Infermi di Rimini mentre, sul posto, sono accorsi i carabinieri. Nel corso della notte, i due feriti furono sottoposti a un delicato intervento mentre le indagini dei militari dell'Arma partirono immediatamente, tanto che nella notte furono effettuati una trentina di posti di blocco in tutto il territorio per individuare gli aggressori.

Si rifiutano di dargli i soldi e vengono accoltellati

In poche ore i carabinieri riuscirono a circoscrivere il numero degli indiziati e, nel pomeriggio, i sospetti erano già stati portati in caserma per essere interrogati. Era così emerso che il gruppo dei nomadi aveva affrontato i 23enni chiedendogli sfacciatamente 100 euro "per acquistare la bamba" e, al rifiuto dei gradaresi, era scoppiato il putiferio alimentato anche dallo stato di ebbrezza degli aggressori. Tra schiaffi e pugni, era spuntato anche un coltello con il quale Gabrielli aveva poi infierito sulle vittime.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nella mattinata, ragazzino perde la vita

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Si lascia cadere nel vuoto, gesto estremo di un ragazzo

  • Stroncato da un'overdose, giovane padre di famiglia ritrovato senza vita nel garage

  • Lo storico negozio annuncia la sua chiusura sui social dopo 54 anni di attività

  • Bellaria piange la scomparsa del 13enne, proclamato il lutto cittadino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento