Acconciatori ed estetisti, firmato il protocollo anti-abusivismo

Si tratta di un Protocollo che si rivolge in modo particolare ai fenomeni di abusivismo nei settori degli acconciatori e degli estetisti e definisce le azioni da intraprendere con maggior vigore

Ulteriore passo in avanti nelle azioni di contrasto all’abusivismo nel settore parrucchieri ed estetisti. Dopo le azioni di contrasto della Polizia Municipale delle scorse settimane che hanno portato ad elevare circa 25.mila euro di sanzioni ad operatori del settore, è stato infatti siglato, il Protocollo d’Intesa Antiabusivismo – Settore Estetisti e Parrucchieri, tra il Comune di Rimini, rappresentato dall'Assessore al ramo Jamil Sadegholvaad nonché dal Comandante della Polizia Municipale di Rimini, Vasco Talenti e le Associazioni di Categoria: CNA – Confederazione Nazionale Artigianato e Piccole Imprese di Rimini e Confartigianato Imprese Rimini, nella persone dei loro Presidenti.

Un Protocollo che si rivolge in modo particolare ai fenomeni di abusivismo nei settori degli acconciatori e degli estetisti e definisce le azioni da intraprendere con maggior vigore per dare un ulteriore impulso alle attività di prevenzione e repressione del fenomeno sensibilizzando da un lato gli artigiani del settore, dall'altro la clientela perché non si rivolga ad operatori abusivi, richiamando i rischi cui va incontro: mancato rispetto norme igienico/sanitarie con conseguente rischio per la salute dei clienti, concorrenza sleale nei confronti di chi svolge la propria attività nel rispetto delle regole fiscali, urbanistiche, sicurezza nei luoghi di lavoro e requisiti igienico-sanitari.

“E' stato compiuto - ha detto l’Assessore alla Sicurezza Jamil Sadegholvaad – un salto di qualità nella azioni di contrasto a chi esercita il mestiere di parrucchiere ed estetista al di fuori delle regole, col duplice obbiettivo di tutelare da un lato i tanti operatori onesti che quotidianamente portano avanti con passione e sacrifici la propria attività e dall’altro i consumatori che magari inconsapevolmente mettono a repentaglio la propria salute e alimentano una concorrenza sleale che mai come oggi mette in difficoltà chi opera nel rispetto delle normative esistenti. Con il Protocollo sottoscritto oggi viene sancita una stretta collaborazione tra Comune di Rimini e Associazioni di categoria che sono convinto ci consentirà di ottenere risultati importanti a difesa di questo importante settore dell’artigianato.”

Cna e Confartigianato di Rimini "esprimono piena soddisfazione per il protocollo sottoscritto con l’Amministrazione comunale volto a contrastare il diffuso fenomeno dell’esercizio abusivo della professione nei settori acconciatura ed estetica. Ora più che mai qualsiasi forma di abusivismo e illegalità va contrastata con energia e determinazione perché alla nostra economia serve una competizione virtuosa che valorizzi imprenditorialità, qualità, competenza e affidabilità".

“L’intento - sostiene Davide Ortalli, segretario comunale della CNA di Rimini - è quello di trovare finalmente soluzioni efficaci per contrastare il fenomeno e il protocollo siglato va esattamente in questa direzione. Le segnalazioni che opportunamente gireremo alla Polizia Municipale avranno infatti conseguenze dirette e concrete in termini di azioni repressive, anche attraverso il coinvolgimento delle altre autorità competenti, con l’applicazione dunque di tutte le sanzioni previste dalla normativa in vigore, incluse quelle tributarie, in caso di accertata attività abusiva”.

Partirà nei prossimi giorni una campagna di sensibilizzazione e saranno coinvolti gli operatori associati Confartigianato e CNA affinché espongano nei propri locali le locandine appositamente predisposte e patrocinate dal Comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento