rotate-mobile
Sabato, 26 Novembre 2022
Cronaca

Accusa l'ex di essere un no vax: "Per colpa sua tutta la famiglia ha preso il Covid"

La donna è finita davanti al giudice con l'accusa di diffamazione a mezzo stampa per un post contro l'uomo pubblicato sui social network

Si è ritrovata con un'accusa di diffamazione a mezzo stampa una riminese 50enne dopo che, nel periodo più buio del Coronavirus, aveva diffamato l'ex marito accusandolo di essere un no vax. La signora aveva pubblicato un lungo post sulla sua pagina di Facebook nel quale puntava il dito contro l'uomo addossandogli tutta la responsabilità del fatto che, sia lei sia i figli, si erano ammalati di Covid durante una vacanza in Spagna nell'estate del 2021. "Abbiamo tutti il Covid pesantemente - si leggeva sulla bacheca virtuale della 50enne - l'hanno preso i ragazzi che non hanno potuto vaccinarsi per colpa del loro padre diventato no vax, loro sono ragazzi atletici e in salute, abbiamo febbre a 39,5 da 13 giorni, con tosse e saturazione bassissima, sono finita già due volta in pronto soccorso e sono una che non ha patologie. Se i miei figli avessero fatto il vaccino quando avevo prenotato ora non saremo in questa situazione tremenda. Non si dovrebbe permettere a genitori no vax di interferire con la salute dei propri figli. Un no vax può scegliere per sè stesso, e già fa sufficiente danno in questo modo, ma non dovrebbe decidere per altri. E' vergognoso".

Affermazioni apparse sul web che avevano scatenato una ridda di polemiche e, allo stesso tempo, una serie di commenti pesanti contro l'ex marito della donna "colpevole" di essersi intromesso nella salute dei propri figli che all'epoca erano entrambi minorenni. Una situazione che, anche l'uomo, non ha certo mandato giù anche perchè lui non si era mai schierato dalla parte dei no vax ma avrebbe semplicemente voluto parlare coi figli per valutare insieme i pro e i contro della vaccinazione che in quel periodo solo da pochi giorni era stata estesa anche ai minorenni nella fascia 12-17 anni. Per questo si era rivolto al proprio legale querelando l'ex moglie. In un primo momento l'iter giudiziario si era rivelato a favore dell'ex marito tanto che il giudice, su richiesta del pubblico ministero, aveva emesso un decreto penale di condanna ritenendo provata la responsabilità della 50enne e condannandola a un'ammenda di 6.750 euro. Provvedimento al quale, però, aveva fatto opposizione il legale della signora col fascicolo che è così arrivato sul tavolo del gip il quale ha poi assolto la 50enne ritenendo che il fatto non sussiste.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accusa l'ex di essere un no vax: "Per colpa sua tutta la famiglia ha preso il Covid"

RiminiToday è in caricamento