Accusati di furti e rapine, si aprono le porte del carcere per un riminese e un forlivese

I due malviventi implicati nell'operazione della polizia di Stato "Black car" nell'aprile del 2015

Il personale della squadra Mobile di Rimini nella giornata di ieri ha arrestato due persone, un 62enne originario di Forlì e un 33enne originario di Rimini poiché destinatari di ordini di esecuzione per la carcerazione, emessi a luglio scorso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Rimini. Nel 2015, a carico dei due individui, con il coinvolgimento di altre persone, all’esito di una indagine denominata “Black car”, erano stati raccolti pesanti indizi sulla loro appartenenza a una banda responsavile di furti e rapine per i quali all’epoca vennero eseguite misure cautelari. Al termine delle attività i due sono stati ristretti presso le Case Circondariali di Rimini e Bologna per l’esecuzione delle pene residue.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento