menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Addio all'ex assessore al Turismo Mario Tebaldi

Si è spento l’ex assessore al Turismo Mario Tebaldi dal 1993 al 2004. Sabato sera era uscito per andare a vedere la partita al bar con gli amici. Ma poi è tornato a casa riferendo alla moglie che sentiva come soffocarsi

Si è spento l’ex assessore al Turismo Mario Tebaldi dal 1993 al 2004. Sabato sera era uscito per andare a vedere la partita al bar con gli amici. Ma poi è tornato a casa riferendo alla moglie che sentiva come soffocarsi. Le condizioni di Tebaldi sono presto peggiorate. Sul posto sono intervenuti i sanitari del “118”, ma non c'è stato nulla da fare. Martedì saranno celebrati i funerali nella chiesa di S. Benedetto alle 15. La Provincia espresso pubblicamente il proprio cordoglio

“E lo fa al di là delle consuetudini e dei formalismi – afferma l'assessore provinciale al Turismo, Fabio Galli -. volendo sottolineare la strada che- fino all’ultimo attimo della sua vita- l’imprenditore e l’uomo pubblico Tebaldi ha percorso con passione e spesso in direzione ostinata e contraria. All’alba del mito delle nuove tecnologie che avrebbero dovuto avvicinare il mondo e convogliare eserciti di turisti in questa o quella parte dell’Italia, l’assessore di Cattolica conduceva una politica di intervento nel settore che solo ai distratti poteva apparire nostalgica o vintage. Batteva a una a una le fiere all’estero con una mitica Ferrari stravissuta, pacchi di depliant  stipati nel sedile posteriore e nel bagagliaio e una curiosità e una simpatia contagiose. All’algido touch delle politiche di promozione più sofisticate preferiva il contatto diretto di un discorso e di una stretta di mano. E forse non a caso i suoi furono anni d’oro per la Cattolica turistica, sia per numeri che per potenzialità comunicative”.


“All’ironia degli ‘esperti’ folgorati sulla via della modernità, Tebaldi ha risposto per anni con una forma di altissimo artigianato, figlio legittimo di quel pionierismo che la Riviera abbandonò una volta che la pancia era piena – ricorda Galli -. Alla fine contano i risultati e oggi torna clamorosamente di moda quel contatto diretto, quelle campagne promozionali ‘calde’, quell’umanità che erano il marchio di fabbrica di Mario. Il paradosso è che i cantori del nuovo corso ‘emozionale’ sono magari gli stessi che 15 anni fa sorridevano davanti all’auto zeppa di materiale promozionale e altrettanta passione. L’eredità che Mario Tebaldi lascia a tutti coloro i quali hanno un ruolo in quel piccolo/grande giocattolo che si chiama  turismo è quella di abbandonare il conformismo e considerare idee e voglia ancora le migliori mercanzie sul mercato. Ieri, oggi e sicuramente domani”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento