menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“AdottiAmo Rimini”: 6 i progetti presentati da gruppi e associazioni per prendersi cura degli spazi urbani

“Si tratta di una risposta importante – sottolinea l’assessore Mattia Morolli – con cui gruppi di cittadini, scuole, associazioni sportive e vicine all’ambiente, diventano parte attiva del disegno della città"

La Giunta comunale ha preso atto dei progetti presentati per “AdottiAmo Rimini”, iniziativa finalizzata a promuovere la partecipazione, da parte di associazioni senza scopo di lucro, nel recupero e nella valorizzazione di nuovi spazi urbani per la comunità. Le proposte di presa in carico degli spazi comuni, sono arrivate da soggetti differenti che operano nell’abito della scuola, del mare, dell’ambiente, dello sport e della cura degli animali e hanno tutte un valore straordinario. Si va dalla pulizia della parte monte del porto canale, alla riqualificazione della rete sentieristica del colle di Covignano, le aree di sgambamento per i cani, la promozione di attività sportive outdoor in spazi pubblici, gli spazi verdi dei plessi scolastici, fino alla pulizia e la bonifica delle spiagge e dei parchi della città.

Con la presa d’atto dei progetti arrivati, da parte di associazioni, scuole e gruppi di cittadini, la Giunta ha dato incarico agli uffici competenti di attivare un processo partecipativo per verificare la fattibilità di ciascuna proposta e iniziare un percorso condiviso, affinché i cittadini diventino parte attiva del disegno della città, collaborando anche nella progettualità degli interventi di riqualificazione.

Il progetto “AdottiAmo Rimini” è un’esperienza maturata con i gruppi Ci.vi.vo, che si è sviluppata nell’ambito del progetto Ci.vi.vo - Ci Tengo, promosso dal Comune di Rimini nel 2019 e finanziato dalla Legge regionale sulla partecipazione. Nato nel luglio 2020, dopo il periodo di lockdown della scorsa primavera, il progetto ha lo scopo di stimolare e promuovere il senso di partecipazione e responsabilità individuale che ha contraddistinto la lunga fase di confinamento sanitario affrontata dai cittadini. Una proposta che parte anche dalla necessità di ripensare gli spazi urbani alla luce delle nuove esigenze, ampliando i luoghi a disposizione della comunità e rinnovando i modi e i tempi della condivisione delle attività sociali, ricreative e sportive.

“Si tratta di una risposta importante – sottolinea l’assessore Mattia Morolli – con cui gruppi di cittadini, scuole, associazioni sportive e vicine all’ambiente, diventano parte attiva del disegno della città, collaborando anche nella progettualità degli interventi di riqualificazione. Prendersi cura dei beni comuni urbani è anche un’opportunità per tutti, al fine di contribuire in maniera concreta alla costruzione di nuove occasioni di condivisione, un impegno individuale indispensabile che ha stimolato un processo partecipativo che non vogliamo disperdere. Con questo progetto, che viene dall’esperienza pluriennale dei Ci.Vi.Vo, l’Amministrazione vuole continuare a coltivare il processo partecipativo, per rafforzare il legame identitario tra i riminesi e il territorio.”  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento