rotate-mobile
Cronaca

Aeroporto, l'appello del sindaco: "Ieg e i privati entrino nella gestione, con la Fiera studiamo nuove rotte"

Il sindaco Sadegholvaad: "Ieg deve entrare a far parte della compagine societaria che gestisce lo scalo dell’aeroporto di Rimini: lo vogliamo tutti, a partire dalla stessa Airiminum"

“Ieg deve entrare a far parte della compagine societaria che gestisce lo scalo dell’aeroporto di Rimini: lo vogliamo tutti, a partire dalla stessa Airiminum, dalla Fiera, dal Comune di Rimini, dagli enti locali”. E’ questo l’auspicio del sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad, da mesi al lavoro per cercare di dare una nuova spinta allo scalo aeroportuale del “Fellini”. Il primo cittadino lo aveva detto a chiare lettere anche nel suo bilancio di fine 2022: tra i buoni propositi per il nuovo anno, c’era appunto quello di rinforzare la compagine dell’aeroporto. Ciò significa puntare verso nuove rotte, con collegamenti invernali con le maggiori capitali europee. Ma non solo: perché un rinforzo dell’aeroporto può andare di pari passo con lo sviluppo della Fiera.

Secondo il primo cittadino Ieg ma anche altri privati devono diventare attori protagonisti nel destino dell’aeroporto Fellini: “Incontri se ne sono già svolti, anche di recente, e altri se ne svolgeranno per cercare di stringere questa alleanza nel nome e nell'interesse principalmente di tutto il tessuto socioeconomico riminese e dunque di tutti i soggetti partecipanti – prosegue il sindaco -. La volontà è unanime e dunque questa dovrà prevalere su ogni questione tecnica. La Fiera ha bisogno dell'aeroporto, l'aeroporto ha bisogno della Fiera, il territorio ha bisogno di entrambi. Per questo, una volta compiuto questo primo passo con l'eventuale partecipazione di Ieg allo scalo in una forma vera, concordata e strategica sulle rotte che più interessano alla struttura e a tutto il territorio, lo sbocco auspicabile sarebbe quello di una eguale compartecipazione privata da parte degli operatori della filiera turistica allo stesso obiettivo”.

Poi c’è il pensiero di captare un maggior numero di visitatori dall’estero. Questo anche in virtù del successo dell’edizione cinese del Sigep nella città di Shenzhen. “L'impatto di Ieg sui mercati esteri, dall'Asia al Sudamerica, al Medio Oriente è sempre più marcato, nella stagione post Covid, con potenziali, positive ricadute di business per i territori di Rimini e Vicenza: in soldoni, le manifestazioni e le partecipazioni fieristiche organizzate fuori dai confini nazionali sono perfetti testimonial di un made in Italy eccellente che può spingere nuovi clienti a visitare le rassegne di Rimini e Vicenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aeroporto, l'appello del sindaco: "Ieg e i privati entrino nella gestione, con la Fiera studiamo nuove rotte"

RiminiToday è in caricamento