menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nessuna proroga dell'attuale gestione, l'aeroporto Fellini chiude tra una settimana

Si sperava in una soluzione ponte, per consegnare all'aggiudicatario provvisorio della gestione, Air Riminum, un aeroporto in piena operatività. Purtroppo, però, spiega Enac ciò non è stato possibile

L'aeroporto di Rimini chiude alla fine di ottobre. Dal primo novembre la struttura non potrà accogliere il traffico aereo. E' la notizia che arriva dal consiglio di amministrazione di giovedì dell'Enac, l'Ente nazionale per l'aviazione civile. Si sperava in una soluzione ponte, per consegnare all'aggiudicatario provvisorio della gestione, Air Riminum, un aeroporto in piena operatività. Purtroppo, però, spiega Enac ciò non è stato possibile.

Scrive nella sua nota ufficiale, l'ente nazionale: “l Consiglio di Amministrazione si rammarica che nonostante l’encomiabile impegno del Prefetto di Rimini, Claudio Palomba, e la piena collaborazione dell’Enac la soluzione ipotizzata di una gestione provvisoria in attesa dell’immissione con decreto interministeriale del soggetto aggiudicatario del bando di gara, sia stata resa impossibile dalla mancata proroga, in qualunque forma, da parte del Tribunale fallimentare di Rimini dell’esercizio provvisorio della società Aeradria oltre il 31 ottobre 2014. A partire dal 1° novembre, pertanto, risulta giuridicamente impossibile per l’Enac e per il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti intervenire con forme di gestione diretta, ancorché straordinaria, dell’Aeroporto di Rimini, per continuare l’operatività dello scalo”.

Il Consiglio di Amministrazione ha ascoltato con attenzione la relazione presentata dal direttore generale Alessio Quaranta in merito alla situazione relativa all’Aeroporto di Rimini e – continua la nota - “ha espresso apprezzamento per la tempestività con cui la Direzione Centrale Sviluppo Economico e la Direzione Sviluppo Gestione Aeroporti hanno espletato le complesse procedure previste dal bando di gara, pervenendo, in tempi rapidi, all’aggiudicazione provvisoria alla società Air Riminum. Il Consiglio garantisce che con altrettanta solerzia l’Ente porrà in essere tutte le azioni necessarie atte a velocizzare l'implementazione delle fasi procedurali previste nel bando di gara, nonché di tutta la normativa relativa al processo di certificazione in modo da procedere al più presto con l’affidamento definitivo delle gestione totale alla società Air Riminum, e alla piena operatività dello scalo, nell’interesse generale del settore e per evitare disagi ai cittadini e al territorio”.

REAZIONI - "Nonostante l'impegno di molti attori, tra i quali il Prefetto, l'Aeroporto Federico Fellini di Rimini ha preso la deriva che tutti hanno cercato di evitare - esordisce la parlamentare del Movimento 5 Stelle, Giulia Sarti -. Ora la condizione di continuità richiesta per poter avere delle linee aeree in pianta stabile per il 2014 viene disattesa e a noi rimane l'amaro in bocca di una situazione gestita male fin da quando nel 2011 veniva chiesto di non chiudere gli occhi di fronte all'evidente voragine che si andava aprendo nei conti di Aeradria. Poco tempo fa avevamo chiesto che si accertassero le responsabilità dei soci pubblici in modo che fosse loro inibita l'intromissione nella rinascita dell'aeroporto, ma ciò non è ancora accaduto e il risultato sembra oggi tristemente legato a certe ingerenze. Le nostre domande sono quelle di tutti. In particolare: Come è possibile che il vincitore a punteggio pieno del bando Enac non avesse anche le garanzie necessarie per una gestione provvisoria? Quando i misteriosi atti del bando, a cui molti chiedono l'accesso, saranno pubblici penso che molti di questi elementi diverranno chiari. Faremo il possibile per ottenere spiegazioni. Nel frattempo, con un pensiero di particolare vicinanza ai lavoratori, assistiamo tristemente al naufragio delle politiche dell'indotto a tutti i costi".

Per Marco Affronte "i poteri di sindacato ispettivo di parlamentari e consiglieri regionali andrebbero ampliati. Quando lavoravo in Regione nel Gruppo Movimento 5 Stelle tentammo alcuni accessi agli atti, a scopo di studio: in caso di gara la risposta era sempre negativa. Invece il controllo è qualcosa di estremamente positivo, che anche il controllato dovrebbe apprezzare: può evitare gravi errori, a volte irrimediabili".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Zanzariere, ecco pochi e semplici prodotti per pulirle

Cura della persona

5 consigli per avere una rasatura perfetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento