rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca

Al Fellini numeri lontani dal 2019, ma si torna a macinare passeggeri. Polonia primo Paese per arrivi

Con i dati relativi al mese di settembre, dall’inizio dell’anno i passeggeri circolati nello scalo riminese sono quasi 180 mila, pochi rispetto ai 330 mila del 2019 molti rispetto ai 36 mila del 2020 in pandemia

I numeri restano lontani da quello che fu il bilancio del 2019. Prima del Covid. E quando ancora il turismo in arrivo dalla Russia era al vertice delle classifiche dall’estero. L’aeroporto Fellini di Rimini-San Marino, in un quadro notevolmente mutato, torna tuttavia a macinare passeggeri che a queste latitudini significa soprattutto turismo balneare: con i dati relativi al mese di settembre, dall’inizio dell’anno i passeggeri circolati nello scalo riminese sono quasi 180 mila (177.801), pochi rispetto ai 330 mila del 2019 sempre al 30 settembre, molti rispetto ai 36 mila del 2020 e ai 50 mila del 2021 nel cuore della pandemia. Se a fine 2019 i passeggeri complessivi furono 392 mila, ora Rimini sfiorerà i 200 mila.

Nel mese di settembre i passeggeri totali sono stati 31.300 di cui 338 di aviazione generale, che sono il -48% rispetto al 2019. Per quanto riguarda la ripartizione dei passeggeri di aviazione commerciale per Paese/Destinazione al primo posto c’è la Polonia che vale 39.708 passeggeri (Cracovia 14.248, Varsavia 25.460), seguita dall’Ungheria con 36.358 passeggeri tutti su Budapest, al terzo posto i voli Nazionali in Italia (31.296) con Palermo davanti a Cagliari. Cresce l’Albania con i 23.368 passeggeri per Tirana. A seguire Regno Unito, Lituania e Austria.

Ryanair si conferma compagnia aerea dominante nello scalo (127.210 passeggeri Ue più 11.215 extra Ue), seguita da Wizzair che oggi vale al Fellini 20 mila passeggeri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Fellini numeri lontani dal 2019, ma si torna a macinare passeggeri. Polonia primo Paese per arrivi

RiminiToday è in caricamento