rotate-mobile
Cronaca Santarcangelo di Romagna

Afide del cipresso, a Santarcangelo al via i trattamenti per combattere gli insetti

Numerosi gli alberi colpiti dal parassita, l'assessore alla Qualità ambientale Fussi: "Si tratta di un problema serio. Tre i passaggi programmati dall'Amministrazione comunale"

Avrà inizio a breve il trattamento fitosanitario dei quasi 500 cipressi presenti sull’intero territorio  comunale. Dopo aver acquisito i pareri del Servizio Fitosanitario della Regione Emilia-Romagna,  l’Amministrazione comunale ha incaricato Anthea, la società in house di cui fa parte anche il Comune di Santarcangelo, di effettuare tre passaggi per combattere “l’afide del cipresso” che anche a Santarcangelo ha colpito numerosi alberi. “La diffusione dei parassiti che attaccano i cipressi – afferma l’assessore alla Qualità ambientale Pamela Fussi – è un problema serio, che si sta manifestando anche in altre Regioni, con danni arrecati alle alberature che nei casi più gravi possono condurre alla morte della pianta. Per contrastare il fenomeno degli afidi, che mette a rischio anche alcuni alberi storici tutelati dalla Soprintendenza, abbiamo prima interessato la Regione e poi incaricato Anthea dell’esecuzione del trattamento, che sarà effettuato anche nei mesi di settembre e ottobre”.

I cipressi presenti nelle aree cimiteriali saranno trattati nella notte tra domenica 19 e lunedì 20 luglio. A seguire, dopo l’apposizione dei cartelli di preavviso, l’intervento proseguirà sulle restanti piante presenti nell’intero territorio comunale. I prodotti utilizzati per il trattamento sono quelli consentiti dalla normativa in ambienti urbani. Oltre ai cimiteri, le zone interessate dai trattamenti sono quella della Pieve, le vie Calamandrei e Borsellino, il parco Francolini, via dell’Albana, l’aiuola e la rotatoria di via Pascoli, le vie Pozzo Lungo e Cupa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Afide del cipresso, a Santarcangelo al via i trattamenti per combattere gli insetti

RiminiToday è in caricamento