Agenzia Mobilità e costo del trasporto pubblico, si scatena la querelle

Il Sindaco Ceccarelli di Bellaria: “senza alcuna delega da parte nostra, il Comune di Rimini e il delegato della Provincia si sono posti quali unici interlocutori al tavolo che, di fatto, ha messo i soci di Agenzia Mobilità di fronte all’atto compiuto”

“Intendiamo condividere con i cittadini ciò che sta avvenendo in tema di trasporto pubblico, dall’alto costo del servizio alla trasformazione di Agenzia Mobilità in Agenzia unica: per questo, porteremo presto l’argomento in Consiglio Comunale e sarà l’occasione per una riflessione a 360 gradi sulla permanenza del nostro Comune in organi governati da diktat lontani dall’interesse pubblico”, questo l’annuncio del Sindaco Enzo Ceccarelli a qualche giorno dall’assemblea di Agenzia Mobilità che ne ha approvato il Bilancio di Previsione 2016. Argomento chiave dell’ultima assemblea dei soci, la determinazione della tariffa da corrispondere a Start Romagna per il servizio di Trasporto Pubblico Locale (T.P.L.), fissata a 3,96 euro al chilometro in luogo dei 3,60 euro stabiliti dal CdA di Agenzia Mobilità – quota, quest’ultima, suffragata anche da studi economici condotti da soggetti terzi - : in sintesi, un aggravio dei costi a carico della collettività di oltre due milioni e mezzo di euro, visti gli oltre sette milioni di chilometri coperti dal servizio.
 
“L’ultima Assemblea dei soci, prendendo atto di un accordo avvenuto in un tavolo esterno alla stessa assemblea, ha deciso di sovvertire la decisione del CdA. Per altro, già i 3,60 euro al chilometro che esso proponeva”, sottolinea il Sindaco, “erano tutt’altro che un prezzo stracciato, nettamente superiore a quanto corrisposto a Start Romagna nei bacini di Forlì-Cesena e Ravenna. Nonostante questo e nonostante l’opposizione anche del nostro Comune, con voto di maggioranza si è fissato un aumento che, come sempre, peserà sulle spalle dei cittadini. Se, come sostenuto, 3,96 euro è il giusto costo per il servizio, è lecito chiedersi perché negli scorsi anni esso ammontava a 4,20 euro al chilometro, con Start Romagna che proponeva per il 2016 una quota di addirittura 4,30 euro.” Il Sindaco stigmatizza inoltre “il comportamento tenuto dal socio di maggioranza, Comune di Rimini, e dal delegato della Provincia per la Mobilità, i quali si sono posti quali unici interlocutori al tavolo che, di fatto, ha chiuso i giochi prima dell’ultima assemblea mettendo i soci di fronte all’atto compiuto: il tutto senza che il nostro, come altri comuni, avesse dato delega ad essere rappresentato.”
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento