Aggredisce una donna e sputa agli agenti che cercano di calmarlo: infine sfascia la volante della Polizia

Le accuse sono di resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. L’uomo tra l’altro, poco prima, aveva aggredito una donna in strada in località San Vito.

Un 21enne è stato arrestato nel pomeriggio di sabato dagli agenti delle Volanti della Questura di Rimini. Le accuse sono di resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. L’uomo tra l’altro, poco prima, aveva aggredito una donna in strada in località San Vito.

Erano da poco trascorse le 18 di sabato quando un equipaggio delle Volanti è intervenuto sulla via Emilia dove era giunta una segnalazione relativa a un’aggressione verbale e al comportamento molesto tenuto in strada da uno straniero nei confronti di una donna. Giunti immediatamente sul posto, il personale delle Volanti, impegnato nei servizi di contrasto dei fenomeni di degrado urbano, reati contro la persona ed il patrimonio, allo spaccio di sostanze stupefacenti, nonché a verificare l’osservanza da parte di cittadini stranieri della vigente normativa inerente l’ingresso e la permanenza sul territorio nazionale, ha provveduto ad assicurare l’incolumità della donna e a cercare di capire quanto stava accadendo.

La donna ha infatti riferito di essere stata inseguita da una persona di colore che con fare aggressivo ha iniziato a proferire nei suoi confronti frasi senza senso, episodio non passato inosservato neanche ad altri passanti, considerato che nello stesso momento alla Sala operativa della Questura è anche giunta un’altra segnalazione relativa alla presenza di una persona molesta ed aggressiva intenta ad importunare alcuni passanti. In preda dal panico la donna si è quindi allontanata velocemente rifugiandosi all'interno dell'attività commerciale di proprietà del figlio.

Visto il comportamento aggressivo e lo stato di ubriachezza molesta in cui versava l’uomo, gli agenti lo hanno invitato a salire a bordo dell'autovettura di servizio per capire con calma la precisa dinamica degli eventi. L’uomo ha dapprima  colpito con il proprio volto la paratia divisoria in plexiglass e, successivamente, con repentini scatti d'ira ha appoggiato la propria schiena lungo i sedili del mezzo e ha colpito con molteplici e violenti calci la portiera posteriore destra causandone la fuoriuscita dall'asse del vetro e l'ammaccatura del montante della portiera stessa.

A quel punto, gli agenti sono intervenuti per bloccarlo in sicurezza, ricevendo ripetutamente sputi, calci e pugni. Accompagnato in Questura l’uomo, dopo i necessari accertamenti, è stato tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato, reati per i quali dovrà rispondere lunedì mattina con rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento