Aggressione in carcere, agente della penitenziaria finisce al pronto soccorso

Il detenuto ha dato in escandescenza mentre si trovava nella propria cella, un altro prigioniero ha tentato il suicidio

Momenti di tensione, nella giornata di giovedì, nel carcere riminese dei "Casetti" con un detenuto che ha iniziato a dare in escandescenza nella propria cella. Per cercare di calmare l'uomo, un tunisino, è intervenuto un agente della polizia penitenziaria che è stato aggredito e malmenato. I colleghi dell'agente sono intervenuti a loro volta e, dopo aver bloccato il nordafricano, hanno soccorso il ferito. Per le lesioni riportate, il ferito è stato trasportato al pronto soccorso dell'Infermi di Rimini da dove è poi stato dimesso con una prognosi di 10 giorni. Sempre nel carcere dei "Casetti", nella mattinata di martedì, un altro detenuto, sempre nordafricano, ha tentato di togliersi la vita in cella. Lo straniero ha cercato di suicidarsi impiccandosi alle sbarre ma, il suo tentativo, è stato sventato dalle guardie carcerarie che lo hanno subito soccorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

Torna su
RiminiToday è in caricamento