Aggressione in discoteca, napoletano finisce in ospedale per una coltellata

Ferito alla schiena nel corso di una discussione con altri partenopei, il ragazzo non ha voluto denunciare il suo feritore "per paura" sostenendo che apparteneva alla "malavita organizzata"

Una animata discussione tra ragazzi si è trasformata in un'aggressione in piena regola durante la quale, uno dei partecipanti, ha estratto un coltello per ferire il rivale. Teatro della scena è stato i Cocoricò di Riccione, nella notte tra il 7 e l'8 dicembre, dove per futili motivi si sono affrontati un gruppo di cinque napoletani. Quattro di questi hanno iniziato a discutere col quinto e, nella calca che si è creata, uno di questi ha tirato fuori la lama per colpire l'avversario che è stato preso alla schiena. E' intervenuta la sicurezza del locale per riportare la calma ma a rimanere ferito è stato un 29enne che, soccorso, è stato portato al "Ceccarini" di Riccione per essere ricucito e poi dimesso con una prognosi di 15 giorni. In ospedale, i sanitari davanti a quella ferita da coltello hanno chiesto l'intervento dei carabinieri ma, davanti ai militari dell'Arma, il 29enne non ha voluto fare il nome del suo aggressore. Secondo quanto trapelato, il ferito avrebbe ammesso che nel gruppo con il quale ha avuto la discussione ci sarebbero delle persone appartenenti a delle famiglie legato alla criminalità organizzata e, per paura delle ritorsioni, non ha voluto sporgere denuncia nè fare nomi. La proprietà del locale, comunque, ha fornito ai carabinieri le immagini delle telecamere a circuito chiuso che sorvegliano la discoteca e che hanno ripreso la scena.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In merito alla rissa - ha spiegato in una nota Fabrizio De Meis, General Manager della discoteca Cocoricòci teniamo a sottolineare che al di là delle minacce ricevute il Cocoricò non accetterà mai di subire passivamente il comportamento di delinquenti che vengono da centinaia di chilometri con l'unico obiettivo di commettere reati e di fare del Cocoricò e di Riccione terra di conquista. Siamo intervenuti con il nostro servizio d'ordine e abbiamo consegnato i video alle forze dell'ordine che ringraziamo per il pronto intervento, sperando che le immagini possano aiutarli a consegnarli alla giustizia. Auspico infine che la proposta di legge presentata in Parlamento dall'onorevole Sisto faccia il suo corso rapidamente, così da creare un deterrente che impedisca a questi delinquenti di accedere nei locali dove ci sono persone che hanno solo voglia del sano divertimento. Concludo comunicando che il Cocoricò denuncerà le persone che si sono macchiate di questo crimine”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento