Agli arresti domiciliari pizzicato dai carabinieri a girare in bicicletta

L'uomo era stato condannato in via definitiva per introduzione e commercio nello Stato di merce taroccata

Il fatto di essere una vecchia conoscenza delle forze dell'ordine si è rivelato fatale per un senegalese 66enne, agli arresti domiciliari per una condanna definitiva per vendita di merce taroccata, riconosciuto dai carabinieri mentre girava tranquillamente in bicicletta. Nel tardo pomeriggio di martedì, infatti, una pattuglia dell'Arma che transitava lungo via Ravegnana ha riconosicuto immediatamente lo straniero che, lo scorso 28 giugno, era stato sorpreso nuovamente ad infrangere la misura restrittiva. Bloccato e portato in caserma, al termine delle pratiche di rito è stato arrestato per evasione. Processato per direttissima mercoledì mattina, il senegalese è stato nuovamente messo agli arresti domiciliari dal giudice.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fermato tre volte in un giorno: "Voglio godermi la vita, tanto le multe non le pago"

  • Calano ulteriormente i nuovi contagi, meno ricoverati in terapia intensiva

  • Buoni spesa, come richiedere il contributo: 150 euro per ogni componente della famiglia

  • Borrelli allunga la quarantena fino al primo maggio: "Fase 2 forse dal 16"

  • Droga party nel garage per combattere la noia della quarantena

  • A spasso sulla battigia azzanna gli agenti della polizia di Stato

Torna su
RiminiToday è in caricamento