Agli arresti domiciliari si "autoprescrive" una cura in palestra

La titolare ha chiamato la polizia di Stato per la presenza di un cliente molesto che si è scoperto essere evaso

La voglia di fare palestra è costata cara a un nomade 45enne che, nonostante gli arresti domiciliari, non ha esitato a portare avanti il suo allenamento. L'uomo, già noto alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio e la persona, era sottoposto alla misura cautelare ma non per questo si è presentato comunque nella sala attrezzi per fare del moto. Peccato però che il suo comportamento, al di sopra delle righe, ha infastidito non poco gli altri clienti tanto che alla fine la titolare si è vista costretta a chiamare la polizia di Stato per quell'uomo molesto. Arrivata sul posto, la pattuglia ha identificato il nomade ed è subito emerso che non si sarebbe dovuto trovare lì. Il 45enne ha tentato di giustificarsi sostenendo che doveva fare della terapia riabilitativa ma della prescrizione e dell'autorizzazione del giudice non è stata trovata traccia. Il nomade è stato quindi arrestato per evasione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresa al ristorante: arrivano gli ospiti di 'Ballando con le Stelle'

  • Spaccata nella boutique, razzia di costosi capi di abbigliamento e borse griffate

  • La gelosia e i maltrattamenti dietro il feroce pestaggio di Sant'Andrea in Besanigo

  • Insieme nella vita e nel lavoro, marito e moglie riaprono il supermercato in via della Fiera

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

Torna su
RiminiToday è in caricamento