rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Cronaca

Al lavoro in bicicletta, allo studio degli incentivi che potrebbero far guadagnare fino a 50 euro al mese

Incentivi chilometrici per gli spostamenti casa-lavoro ai dipendenti di aziende che usano la bicicletta in sostituzione dell'autoveicolo, per un massimo di 20 centesimi a chilometro e 50 euro mensili cadauno

Sono stati approvate in questi giorni dalla giunta comunale le iniziative da candidare nell’ambito del progetto regionale “Bike to Work” per incentivare gli spostamenti casa-lavoro in bicicletta e per la riduzione del costo del deposito delle biciclette presso le Velostazioni. L’iniziativa rientra nell’ambito del protocollo di intesa siglato lo scorso gennaio dal Comune di Rimini e della Regione Emilia Romagna per definire le azioni, le tempistiche e i criteri del progetto “Bike to Work” . Una serie di iniziative dedicate alla mobilità sostenibile per dare ulteriore impulso alla mobilità ciclistica, nei comuni che hanno una popolazione superiore o uguale a 50.000 abitanti, le cui zone territoriali sono interessate al superamento dei limiti di qualità dell’aria.  Un progetto che riguarda 13 comuni e intende finanziare complessivamente oltre 727 mila euro, coprendo il 70% delle spese sostenute e lasciando la restante quota del 30% a carico degli enti pubblici.

Sono due gli interventi in particolare che il Comune di Rimini intende candidare a questo progetto e che potranno essere finanziati con un contributo totale di 145.596 euro, pari cioè al 20% del contributo regionale spettante.

La prima azione si riferisce a incentivi chilometrici per gli spostamenti casa-lavoro in bicicletta ai dipendenti di aziende che usano la bicicletta in sostituzione dell'autoveicolo privato, per un massimo di 20 centesimi a chilometro e 50 euro mensili cadauno. Per questa forma di contributo verrà pubblicato un avviso pubblico, che mette disposizione la somma di 52.798 euro alle aziende provviste di Mobility Manager con sede nel Comune di Rimini. Il bando prevede che il 50% delle risorse sia destinato a tutte le aziende che presenteranno manifestazione di interesse e l’ulteriore 50% ripartito tra quelle che saranno disponibili ad offrire un proprio contributo aggiuntivo. Altri importi (fino alla somma di 52.798 euro) saranno messi a disposizione l’anno successivo.

L’altra forma di incentivi prevista dall’amministrazione comunale, riguarda la riduzione del costo del deposito delle biciclette presso le Velostazioni, o altri depositi di interscambio modale che siano convenzionati con il Comune. Per questa forma di contributo nel 2022 la cifra messa a disposizione è di 20.000 euro (che saranno riproposti anche nel 2023) a tutti coloro che sottoscriveranno un abbonamento annuale per deposito bicicletta presso la Velostazione Bike Park.  In tal caso infatti, a fronte di un abbonamento complessivo del valore di 170 euro, verrà erogato un contributo di 105 euro per gli over 25 e di 145 euro per gli under 25 anni, abbassando quindi il prezzo finale dell'abbonamento annuale a soli 65€ (25€ per gli under 25).

L’amministrazione comunale intende inserire le iniziative del progetto "Bike to work" nelle azioni previste dal patto del clima per il lavoro che è stato firmato qualche giorno fa, una prospettiva sulla quale si concentreranno congiuntamente le assessore Francesca Mattei e Roberta Frisoni, coinvolgendo le aziende, le suole e tutti gli enti interessati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al lavoro in bicicletta, allo studio degli incentivi che potrebbero far guadagnare fino a 50 euro al mese

RiminiToday è in caricamento