Alessandro tra i più discoli della classe e rischia l'espulsione dal Collegio

Superata indenne la prova del taglio dei capelli, il 16enne di San Giovanni in Marignano sempre in mezzo alle bravate

Ha superato indenne la prova del taglio dei capelli ma Alessandro Andreini, il 16enne di San Giovanni in Marignano, si è distinto per essere tra i più "discoli" del Collegio e adesso rischia l'espulsione. Il romagnolo è spiccato fin da subito come uno dei concorrenti più originali, eccentrici e simpatici della quinta edizione del reality in onda su Rai2, quest’anno ambientato negli anni 90, ma anche tra i primi a partecipare alle bravate degli altri studenti. Nella puntata di martedì, insieme agli altri ragazzi, ha partecipato al raid notturno per devastare la classe e rubare una forma di caciocavallo, abbandonato all'improvviso la lezione di ginnastica fuggendo per non partecipare agli esercizi di yoga e si è ricoperto la faccia coi disegni di un pennarello. Tuttavia, rimanendo nel gruppo, non è quasi mai stato scoperto dai professori e dagli insegnanti ma, alla fine, insieie ai compagni ha dovuto affrontare la furia del preside. Quest'ultimo, per riportare l'ordine tra gli studenti, ha deciso di sottoporre tutta la classe a una verifica scritta nel corso della quale gli alunni si sono ribellati. Una situazione esplosiva che, nella prossima puntata di martedì 10 novembre vedrà il preside prendere importanti decisioni anche sul futuro di Alessandro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

Torna su
RiminiToday è in caricamento