Alla Fondazione Its di Forlì-Cesena anche la gestione dell’Its di Rimini

A metà ottobre ci è stato chiesto, come Fondazione, di gestire l'ITS di Rimini, in quanto la fondazione riminese non è riuscita a diventare attiva entro i tempi previsti dalla legge

Una delibera approvata all’unanimità dal Consiglio Provinciale di Forlì-Cesena (Pd, Idv, PdL, Lega Nord) permette, tramite alcune modifiche allo Statuto della Fondazione Istituto Tecnico Superiore (ITS) per le Tecnologie della Informazione e della Comunicazione,  di gestire anche il percorso ITS “Tecnico superiore per la valorizzazione delle risorse culturali, delle produzioni tipiche e della filiera turistica” presso la sede di Rimini.

Ha illustrato la delibera l’assessore provinciale all’Istruzione e alla formazione professionale Denis Merloni: “Come Provincia siamo già all’interno della Fondazione dell’ITS di Forlì-Cesena. A metà ottobre ci è stato chiesto, come Fondazione, di gestire l’ITS di Rimini, in quanto la fondazione riminese non è riuscita a diventare attiva entro i tempi previsti dalla legge. La Regione, ritenendo comunque importante quel corso, ha chiesto a noi di gestirlo. Abbiamo accettato e fatto tutto il necessario ed oggi arriviamo alla modifica dello Statuto, con l’allargamento del gruppo dei fondatori. In particolare, sarà presente, tra la compagine societaria, anche l’imprenditore Gian Marco Rossi, presidente della società proprietaria di stabilimenti termali di Fratta Terme e Bagno di Romagna. La Regione ha già dato i 300.000 euro per il primo biennio”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento