Alla Molo Street Parade per rifornirsi di marijuana, minorenne beccato al ritorno

Al ritorno in Valmarecchia il ragazzino è incappato in un posto di blocco dei carabinieri che hanno scoperto lo stupefacente

Decisamente sfortunato il 17enne della Valmarecchia intercettato, nella notte tra sabato e domenica, dai carabinieri della Compagnia di Novafeltria intenti a controllare il territorio di loro competenza. I militari dell'Arma, infatti, hanno predisposto un mirato servizio di sorveglianza dell'entroterra in occasione dei grandi eventi del fine settimana sulla Riviera. Sono state 15 le pattuglie messe in strada e, proprio in una di queste, è incappato il ragazzino che, in sella al suo motorino, procedeva lungo la Sp 14 Santarcangiolese.

Appena i militari dell'Arma gli hanno intimato l'alt, il minorenne è entrato in agitazione e ha lasciato cadere a terra un oggetto metallico che ha poi cercato di nascondere con un piede. Recuperato dai carabinieri, è emerso che si trattava di un macinino per trinciare la marijuana. Sottoposto a perquisizione, nel marsupio del 17enne sono emersi 2 involucri di "erba", per un peso complessivo di 5 grammi. Messo alle strette, il minorenne ha candidamente ammesso di stare tornando dalla Molo Street Parade di Rimini dove si era rifornito di marijuana per poi spacciarla agli amici. La casa del giovane è stata perquisita ma, i militari dell'Arma, non hanno trovato altro stupefacente e hanno denunciato il ragazzino alla Procura dei Minori.

In contemporanea, sulla Marecchiese in località Pietracuta, i carabinieri hanno fermato un albanese 50enne residente a Prato che, alla richiesta di fornire i propri documenti, si è dapprima rifiutato per poi esibire una patente, rilasciata dalle autorità albanesi palesemente falsa. Al termine degli accertamenti, lo straniero è stato denunciato a piede libero per falsità materiale commessa dal privato, uso di atto falso, mancata esibizione del passaporto o altro documento di identificazione e guida senza patente. Il documento di guida veniva sequestrato ed il mezzo sottoposto a fermo amministrativo.

I servizi sono stati voluti dal comandante provinciale dei carabinieri di Rimini, Ten.Col. Giuseppe Sportelli, per garantire servizi di “saldatura” fra il mare e la Valmarecchia, svolto dai militari della Compagnia di Novafeltria che hanno avuto l’ordine di “blindare”, in particolare, Santarcangelo e Villa Verucchio per prevenire furti e reati predatori e vegliare sull’afflusso e deflusso dalle retrovie della Molo Street Parade. I carabinieri sottolineano come l’impatto dei maxi controlli sia stato davvero positivo con il riconoscimento dato dai passanti e cittadini che, incuriositi dalla massiccia presenza dei militari dell'Arma hanno date ampio consenso all’iniziativa “non pensavo che con tutti gli eventi del mare qui avremmo avuto una presenza così massiccia e rassicurante” questo uno dei tanti commenti di un cittadino a Santarcangelo al maresciallo che dirigeva un posto di controllo in doppio senso di marcia in pieno centro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento