Allarme bomba alla scuola Gianni Rodari. L'Arma: "Scherzo di cattivo gusto"

Allarme bomba giovedì alla scuola Gianni Rodari di Rimini. Intorno alle 13, un passante, amico di un carabiniere, ha notato una borsa rossa con dei fili sospetti appoggiata cancellata della scuola. Gli artificeri dei carabinieri fatti arrivare da Bologna per controllare il pacco

Tre ore col fiato sospeso per i residenti di via Acquario e per gli alunni e il personale della scuola elementare Gianni Rodari a causa di una borsa sospetta appoggiata alla cancellata dell'Istituto, dalla quale spuntavano cavi elettrici sospetti, che ha fatto scattare un allarme bomba. Intorno alle 13, un passante, amico di un carabiniere, ha notato una borsa rossa appoggiata cancellata della scuola, dalla parte di via Acquario, e ha subito avvertito l'amico militare. Dentro sembrano esserci fili elettrici e batterie.

I carabinieri, allertati, sono arrivati sul posto, ed hanno recintato tutta la zona. I bambini sono inizialmente sono rimasti dentro all'edificio, ma sono stati spostati dell'altra parte della scuola, lasciando libere le aule sul versante di via Acquario. Sul posto anche la polizia, e la Digos. Sono stati chiamati gli artificieri di Bologna, che sono arrivati intorno alle 15, i quali per precauzione hanno deciso di radunare i bambini nelle aule dalla parte opposta della scuola e, i residenti delle case antistanti, sono stati invitati ad aprire tutte le finestre e a lasciare le stanze che davano sul parco.

Gli artificeri hanno iniziato con un controllo esterno della borsa rossa e, con estrema prudenza, la hanno assicurata con un cavo per permettere, da lontano, di muoverla. La manovra si è resa necessaria per evitare che, all'interno, ci fosse un ordigno con dei sensori di movimento che avrebbero potuto innescare uno scoppio. Il tentativo di muovere la borsa è andato a buon fine e, una volta stabilito che non vi era un pericolo di scoppio, è stato controllato il contenuto. All'interno sono state ritrovate tre batterie per scooter legate insieme con del nastro da pacchi e collegate tra loro con dei fili elettrici.

Tutto il materiale è stato messo sotto sequestro e sarà inviato ai Ris di Parma per essere analizzato alla ricerca di eventuali tracce. L'allarme è rientrato verso le 16 ed è stato definito dagli inquirenti dell'Arma "Uno scherzo di cattivo gusto" anche perchè, gli artificeri sul posto, lo hanno descritto come un oggetto costruito artigianalmente per farlo sembrare il più possibile una bomba.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento