menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alleanza tra Ausl e palestre per 'combattere' obesità e diabete

L'azienda sanitaria di Rimini lancia un bando al quale potranno aderire le palestre interessate a collaborare ai progetti sanitari legati a questi due target di utenti: i dibetici e gli obesi

Un’alleanza per il benessere della popolazione. Con un’attenzione particolare alle persone affette da diabete mellito tipo II, obesità, ipertensione arteriosa, e dei bambini sovrappeso e obesi. L’Azienda USL la propone alle palestre del territorio. E’ stato infatti predisposto un bando al quale potranno aderire le palestre interessate a collaborare ai progetti dell’A.USL legati a questi due target di utenti. Ma per partecipare al bando, le palestre dovranno preventivamente, qualora non l’abbiano già fatto, aderire al codice etico o essere incluse nell’elenco delle “Palestre Sicure – Prevenzione Benessere”, mirato ad evidenziare quelle che lavorano in situazione di massima sicurezza, e che al loro interno hanno, a supporto del cliente, figure quali il laureato in scienze motorie o il diplomato Isef adeguatamente formati.

Procedendo con ordine: le palestre del territorio, qualora già non l'abbiano fatto, possono chiedere l’iscrizione all’elenco “Palestre Sicure – Prevenzione Benessere” aderendo al codice etico da cui emerge: l’intendimento di effettuare la somministrazione dell’esercizio fisico per il benessere del cliente e, laddove necessario, sotto il controllo medico; l’impegno a non pubblicizzare al proprio interno prodotti farmaceutici che possano avere effetti dopanti; l’impegno a partecipare ad iniziative di formazione dell’A.USL o degli Enti Locali; l’impegno a veicolare campagne, dell’A.USL o della Regione o degli Enti Locali, di promozione della salute e stili di vita salutari; accettano di sottoporsi a controlli senza preavviso dell’A.USL o degli Enti Locali.

Acquisito questo riconoscimento, le palestre possono partecipare al bando per la richiesta di collaborare con l’Azienda, in particolare a due progetti di recente approvazione: la promozione della salute nel sovrappeso e obesità in età infantile e giovanile (Coordinato dal dottor Danilo Gambarara); il progetto Lifestyle Gym, per il trattamento del diabete mellito di tipo II e delle malattie dismetaboliche, coordinato dal dottor Paolo Mazzuca.

Progetto sulla salute nel sovrappeso e obesità in età pediatrica. A livello regionale quasi un terzo dei bambini è in sovrappeso (più precisamente il 20 per cento è sovrappeso e un ulteriore 8 per cento è obeso; il dato riminese è pressoché in linea con quello regionale). Il progetto contempla la presa in carico dei bambini in sovrappeso (in collaborazione coi medici e/o pediatri di famiglia) attraverso azioni di counselling alimentare (singolo, di famiglia o di gruppo) con le dietiste aziendali, nonché interventi di valutazione e prescrizione di adeguati livelli di attività fisica. Tale attività motoria andrà poi eseguita nelle palestre aderenti al progetto, con la supervisione di personale qualificato (laureati in scienze motorie o diplomati Isef), nell'ambito, a seconda dei casi, di corsi personalizzati o di gruppo.

Progetto Lifestyle Gym. Contempla l’individuazione (da parte del Medico di famiglia o di altri medici) di pazienti, affetti da “diabete mellito tipo II e/o obesità e/o ipertensione arteriosa , il loro invio al servizio di diabetologia e l'attivazione di un progetto personalizzato che contempla l'assistenza ad un programma di educazione alimentare tramite il colloquio motivazionale individuale e di gruppo e, contemporaneamente, la somministrazione di una dose di esercizio fisico. Il progetto ha la durata di sei mesi. Per l'intera durata del progetto i  pazienti, in gruppi di 10, svolgeranno l'attività fisica e il programma di educazione alimentare seguiti dal medico dell’A.USL, oltre che dalla dietista e dal laureato in scienze motorie o  diplomato Isef. In seguito il paziente viene invitato a proseguire autonomamente l'attività fisica prescritta e il programma di educazione alimentare. La valutazione medica avverrà secondo necessità e comunque a distanza di tre e sei mesi dall'inizio del progetto.

Per partecipare ai progetti aziendali le palestre interessate devono scaricare dal sito aziendale www.ausl.rn.it l’apposito modulo di adesione, compilarlo e inviarlo all’Azienda per fax (al numero 0541.707215) o per mail (all’indirizzo palestrabenessere@auslrn.net) .
Con le richieste di adesione delle palestre verrà creato un elenco di strutture che rispettano i requisiti previsti dal codice etico, e che propongono attività  fisica e sportiva (non rivolta all'aspetto agonistico) validata e  controllata. Tale elenco verrà messo a disposizione dei medici e dei pazienti che potranno scegliere, sulla base della prescrizione dell'attività fisica, in funzione delle loro esigenze e preferenze.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento