menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Neve abbondante in arrivo sull'Emilia Romagna, scatta l'allerta meteo

Altra neve in arrivo dopo le spruzzate a macchia di leopardo che hanno interessato nel weekend la Romagna. E' quanto avverte la Protezione Civile in un'allerta meteo

Altra neve in arrivo dopo le spruzzate a macchia di leopardo che hanno interessato nel weekend la Romagna. E' quanto avverte la Protezione Civile in un'allerta meteo che scatterà dalle 7 di lunedì e che si concluderà martedì alle 19. La causa della nuova ondata di maltempo è da attribuire alla formazione di un minimo depressionario sul Mar Ligure, che determinerà condizioni di tempo perturbato con nevicate abbondanti anche in pianura (specie ovest Emilia) e venti sostenuti lungo la costa a partire dalla nottata tra domenica e lunedì.

In particolare, le nevicate cominceranno ad interessare la regione lunedì mattina a partire dal settore occidentale per poi estendersi rapidamente a tutto il territorio. Le precipitazioni, spiega l'allerta meteo, "saranno persistenti e abbondanti sul settore centro-occidentale della regione, mentre sulla fascia costiera, la precipitazione assumerà carattere di neve bagnata o acqua mista a neve con modesti accumuli al suolo".

Questi i quantitativi previsti: "tra i 35 e i 45 centimetri sulla fascia appenninica, tra i 20 e i 30 centimetri sulla pianura occidentale, tra i 10 e i 20 centimetri sulla pianura centro-orientale e fino a 5 centimetri sulla fascia costiera. I venti rinforzeranno dal primo pomeriggio di lunedì, disponendosi da sud-est con mare agitato al largo e possibilità di mareggiate con locali ingressioni marine". La Protezione Civile raccomanda prudenza poichè "possono diventare difficili le condizioni di circolazione sulla rete stradale ordinaria, secondaria ed autostradale". Complici le abbondanti precipitazioni possono "verificarsi possibili localizzate interruzioni dei servizi pubblici essenziali".

Attenzione al mare mosso: "l'altezza dell'onda in mare aperto - puntualizzano gli esperti meteo - è stimata tra 2,5 a 4 metri (mare agitato), con direzione di provenienza Sud Est. Nella nottata tra lunedì e martedì, sotto costa, si prevede l'effetto combinato dell'altezza dell'onda (stimata tra i 2 e i 2,5 metri) e del livello del mare (stimato intorno ad un metro). L'effetto sarà risentito sulla fascia costiera in diminuzione da nord (comuni costieri ferraresi), verso sud fino all'annullamento dell'effetto nel territorio riminese".

La Protezione Civile chiarisce che "possono risultare difficoltose le attività che si svolgono in mare e il funzionamento delle infrastrutture portuali. L'effetto combinato dell'altezza dell'onda e del livello del mare potrà determinare mareggiate con possibili fenomeni di erosione sulla costa e interessamento degli stabilimenti balneari". Per quanto concerne il vento, lungo la costa soffierà tra i 45 ed i 55 chilometri orari, con punte massime di 65 chilometri orari. Sui rilievi occidentali la velocità media sarà di 46 chilometri orari, con punte massime di 74, mentre saranno più sostenuti sui rilievi centro orientali: vento medio attorno ai 65 chilometri e punte massime di 83.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento