menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allevamenti a rischio per i nitrati? "Col letame si risolve tutto"

In provincia di Rimini, in dieci anni polli e galline sono diminuiti del 62%, i maiali del 21%, le mucche del 7,8%, ma i nitrati nelle acque non sono calati

Coldiretti Emilia Romagna, chiede una revisione seria e veloce delle aree a rischio nitrati in Emilia Romagna per salvaguardare la salute dei cittadini e salvare allevatori, allevamenti e posti di lavoro. In provincia di Rimini, in dieci anni polli e galline sono diminuiti del 62%, i maiali del 21%, le mucche del 7,8%, ma i nitrati nelle acque non sono calati. I risultati dello studio europeo  hanno evidenziato  che – informa Coldiretti –  la lisciviazione dei nitrati nei terreni concimati con effluenti zootecnici (…) è risultata inferiore a quanto si verifica nello stesso terreno fertilizzato con concimi di sintesi ma in assenza di concimazione organica”.

“Risultato – spiega Coldiretti – che, tradotto, significa che il letame, utilizzato come fertilizzate sin dalla notte dei tempi, è utile per la terra e non inquina e non a caso viene ammesso nelle coltivazioni biologiche”. “Tale studio – afferma il presidente di Coldiretti Emilia Romagna, Mauro Tonello – è in possesso della stessa Regione Emilia Romagna, dove è scoppiato un contrasto evidente tra l’assessore all’Agricoltura, Tiberio Rabboni, favorevole alla revisione delle aree vulnerabili ai nitrati insieme con gli altri colleghi delle regioni padane, e l’assessore all’Ambiente, Sabrina Freda, arroccata su una posizione di chiusura a qualsiasi ipotesi di verifica sulla reale situazione e origine dei nitrati. Questo contrasto all’interno della giunta – commenta Tonello – è paradossale e dovrebbe essere chiarito. Il presidente della Regione; Vasco Errani, deve dire se è possibile che vengano insultati e additati quotidianamente come inquinatori gli imprenditori agricoli che producono eccellenze agroalimentari importanti per l’economia della nostra regione e se la loro attività possa essere additata come un attentato costante alla salute dei cittadini”.

In Emilia Romagna – ricorda Coldiretti – dal 1990 ad oggi sono stati chiusi 26 mila allevamenti e sono spariti 320 mila mucche e 620 mila maiali, con la perdita anche di migliaia di posti di lavoro. Ciononostante l’inquinamento da nitrati non è diminuito. “Dopo la scomparsa di tutti gli allevamenti in Emilia Romagna – afferma Tonello – forse la Regione comincerà ad occuparsi seriamente della salute delle persone e dell’ambiente e promuoverà una ricerca seria sui nitrati e sulla loro origine, evitando di adagiarsi su accuse pre-costituite, senza prove concrete e senza dati adeguati sull’origine reale degli inquinanti. Forse è il caso che ci si metta attorno a un tavolo e ci si confronti con i dati oggettivi, a partire dallo studio Ispra, già pagato, ma mai divulgato, per decidere cosa vogliamo fare realmente dell’agricoltura e della salute dei cittadini al di là di proclami e anatemi pre-elettorali”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Attualità

"Fellini Calls", successo per la tre giorni dedicata al regista premio Oscar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento