Maltempo, il Wwf: "Cresce la preoccupazione per l'abbassamento della costa"

L'ambientalista evidenzia inoltre "l'accrescente irrigidimento della linea di costa degli ultimi cinquant'anni prodotto dall'eccessiva cementificazione (anche sull'arenile)"

"Il maltempo di questi giorni ha messo a dura prova la capacità di intervento di tutto il sistema di protezione civile. Una situazione che purtroppo conferma in modo concreto di come sia fragile l’intera fascia costiera adriatica e tutto il sistema idraulico del territorio riminese". E' quanto afferma il presidente del Wwf di Rimini, Antonio Cianciosi, secondo il quale "si è costruito decisamente troppo e in maniera non sostenibile per l’ambiente".

L'ambientalista evidenzia "l'accrescente irrigidimento della linea di costa degli ultimi cinquant’anni prodotto dall’eccessiva cementificazione (anche sull’arenile)"; "la forte diminuzione dell’apporto di inerti dai principali corsi d’acqua (Conca e Marecchia)" e "l’antropizzazione del territorio della provincia di Rimini. Se a tutto ciò si aggiunge il cambiamento climatico globale in atto e il progressivo aumento della temperatura terrestre, il quadro futuro che ne deriva sarà devastante per il nostro territorio e per tutta l’economia turistica e non solo".

"Un altro dato desta preoccupazione è il graduale abbassamento della costa, avvertito in particolare nella zona nord del riminese, un fenomeno di subsidenza che sta interessando sempre più il nostro territorio, le cui cause potrebbero essere attribuite alle trivellazioni in Adriatico per la ricerca degli idrocarburi, sono previsti molti nuovi pozzi al largo delle coste riminesi - continua Cianciosi -. La causa dei disastri di questi giorni non possiamo più attribuirle ad eventi “naturali” eccezionali, purtroppo in costante peggioramento, ma eventi causati da azioni umane non ponderate e valutate sul piano della compatibilità e sostenibilità ambientale dello specifico territorio".

"Dal punto di vista del Wwf - conclude - riteniamo che in linea generale occorre da parte di tutti (Amministrazioni, tecnici, cittadini e categorie) una maggiore consapevolezza del problema e un approccio consapevole e responsabile sulle modalità d’intervento e di gestione del territorio volto alla sicurezza, alla conservazione e la tutela del patrimonio ambientale,   non serve invocare altro cemento per cercare di proteggersi o risolvere un problema ma studiare metodi compatibili ed ecologicamente sostenibili per l’ambiente e per chi ci vive".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento