Altre cento firme contro l'antenna vicino al Peep di Misano Monte: la protesta dei residenti

I residenti dicono "no" all'intallazione dell'antenna di telefonia nella zona Byblos

E' di nuovo scontro sull'installazione di un'antenna di telefonia. E la protesta si inasprisce, ancora, anche a Misano Monte. Se nei giorni scorsi sono stati i residenti di Viserba Monte a fare sentire la loro voce per un motivo analogo, adesso a protestare sono quelli di Misano che dicono "no" a un'antenna vicino al comprensorio Peep della Zona Byblos. Nei mesi scorsi avevano già raccolto le firme contro l’installazione, che prevede un palo da 27 metri in cima alla collina.

“Nello scorso consiglio comunale – spiega Ilaria Livi, che si è fatta portavoce dei cittadini – l’assessore con delega all’innovazione tecnologica ha spiegato l’approvazione di un impianto a Villaggio Argentina e ha mandato messaggi tranquillizzanti ai residenti di Misano Monte, dopo un’interrogazione a tema“. L’impianto sorgerebbe a poco distanza dalle case del Peep “all’interno del parco pubblico e, come risulta dalle ultime segnalazioni, in prossimità della struttura socio-assistenziale Casa di accoglienza Il Germoglio”.

I residenti, e firmatari della petizione, chiedono controli sui campi magnetici, visto che impianti che sorgono vicino a realtà assistenziali hanno limitazioni più stringenti sulle emissioni. “Abbiamo depositato oggi altre circa 100 firme da parte dei residenti della zona interessata, in aggiunta a quelle depositate in precedenza e siamo disposti a raccoglierne ulteriormente. Chiediamo al Sindaco Piccioni, in qualità di garante e massima autorità sanitaria pubblica locale di instaurare un tavolo di confronto con anche la partecipazione di esperti al fine di valutare un sito alternativo per posizionare il suddetto impianto e ad arrivare ad una soluzione condivisa a tutela dell’interesse pubblico con il massimo rispetto della sostenibilità ambientale e sanitaria. Apprezziamo la volontà del sindaco di aver dichiarato che si sta adoperando in tutti modi possibili per trovare una soluzione alternativa e il fatto che siano in valutazione dieci siti differenti, ma ad oggi a distanza di mesi, ciò non ha prodotto alcuna conferma".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’interrogazione è stata presentata dalla consigliera di minoranza Savoretti, anche alla luce di alcune considerazioni espresse dall’Associazione Ambiente & Salute di Riccione. Il sito sui cui verrà eretta la SRB si trova in prossimità dell’elettrodotto da 380kV Forlì-Fano e ciò potrebbe aumentare l’effetto all’esposizione dei campi elettrici e dei campi elettromagnetici per gli abitanti in zona. Se si conta quella di Misano Monte quest’anno saranno state autorizzate tre concessioni allo stesso operatore.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento