rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Cronaca

Amianto e rifiuti pericolosi abbandonati, sequestrate dalla Finanza due aree di altrettante aziende

Sotto sigilli oltre 2000 metri quadrati e circa 60mila chili di rifiuti speciali, i responsabili delle attività denunciati a piede libero

Due distinte attività della Stazione Navale della Guardia di Finanza di Rimini hanno portato al sequestro di altrettante aree utilizzate come deposito incontrollato di rifiuti. A finire nei guai due aziende del capoluogo di cui, una, operante nel settore edile mentre la seconda attiva nella vendita di arredi. In entrambi i casi i militari del Roan, attraverso controlli mirati e approfondimenti tecnici, hanno accertato che le aree finite sotto sigilli erano utilizzate come deposito non autorizzato di rifiuti. In particolare, per la prima, sono state trovate tracce di amianto e scarti edili mentre nel secondo caso erano ammassati vecchie cucine, arredi dismessi e taniche di vernice.

In totale a finire sotto sequestro sono stati oltre 2000 metri quadrati e circa 60mila chili di rifiuti speciali tra cui 3700 chili di pannelli prefabbricati contenenti amianto e in cattivo stato di conservazione, 26mila chili di rifiuti elettrici ed elettronici e 400 chili di accumulatori al piombo esausti. I quattro responsabili delle attività sono stati denunciati a piede libero in quanto ritenuti implicati nel deposito incontrollato di rifiuti e per non aver le disposizioni tecniche di stoccaggio idonee alla necessaria salvaguardia ambientale. Per le aree sequestrate sono già state avviate le procedure di bonifica dei materiali inquinanti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amianto e rifiuti pericolosi abbandonati, sequestrate dalla Finanza due aree di altrettante aziende

RiminiToday è in caricamento