Anche il musical "Patto di Luce" celebra l'anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani

“Patto di luce – per la pace e i diritti umani”, opera musical, ricorda la giornata del 10 dicembre quando si celebreranno i 69 anni dalla approvazione e proclamazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

“Patto di luce – per la pace e i diritti umani”, opera musical, ricorda la giornata del 10 dicembre quando si celebreranno i 69 anni dalla approvazione e proclamazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. L’autore e regista Carlo Tedeschi ne ha parlato stamane ospite a Il Caffè di RaiUno, in onda dalle ore 6.00 alle 7.00 sulla rete ammiraglia della Rai. “I diritti umani fanno luce sulla nostra vera natura; nell’uomo primitivo questi diritti erano già impressi nella coscienza – ha detto Tedeschi nel corso dell’intervista -. In questo spettacolo, una meravigliosa leggenda, una pastorella si ribella alle condanne a morte e si batte per il rispetto dei diritti umani”. Tutta l’intervista su https://www.youtube.com/watch?v=tCB59LwVxZk

Lo spettacolo, scritto e diretto da CarloTedeschi, costituisce una rappresentazione allegorica e ambientata 12 mila anni fa, di quanto sancito dalla più grande assise internazionale: esso propone un cammino verso l’importanza e necessità della pace da parte delle tribù primitive che ne sono protagoniste e la crescita della consapevolezza del rispetto dei diritti umani nella giovane pastorella che sarà colei che riceverà un grande messaggio, gli articoli più importanti della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani di cui domani ricorre l’anniversario. Nell’opera-musical, che tocca temi di grande attualità, anche un’embrionale soluzione pacifica delle controversie internazionali. Infatti, le tribù primitive risolvendo il giallo del rapimento del figlio dei Primordi della tribù della Tigre, portano quest’ultima alla pace e alla condivisione del rispetto dei diritti umani. “Tutti uguali, tutti con gli stessi diritti, niente più schiavitù, tutti liberi” recita la pastorella nell’ultima scena. Presenti anche quadri divertenti, coinvolgenti, con effetti speciali di tutto rilievo che catturano il pubblico in oltre due ore di rappresentazione con coreografie di grande impatto e musiche che spaziano dal rock al tango. Nel recitato anche brani tratti dalla Dichiarazione universale di diritti dell’uomo (Onu, Parigi 10 dicembre 1948) e brani del Deuteronomio (30, 11-14).

“Patto di Luce – per la pace e i diritti umani” aveva debuttato nel 2010 al Lyrick Theatre di Assisi. Musical originale italiano scritto e diretto da Carlo Tedeschi, ha raggiunto i 17mila spettatori, molti dei quali studenti di numerose scuole italiane. Patto di Luce è in scena ogni domenica alle ore 16.00, al Teatro Leo Amici del Lago di Montecolombo in un nuovo allestimento, con nuovi interpreti e un nuovo personaggio ROAH che rappresenta l'espressione e lo spirito della perfezione nella natura.

Gli interpreti: Pastorella: Alessia Panarisi, Pastorello: Emanuele Tedeschi, Sciamano: Giuseppe Barbetti, Leone: Simone Marino, Leonessa: Albatea Internullo, la spia maschile: Francesco Troilo, la spia femminile: Aurora Bertolo. Primordio: Michele Zattara, Primordia: Monia Sclano. Ragazzo scimmietta: Giosuè Raponi. ROAH: Annamaria Bianchini

Info e video: www.pattodiluce.it   facebook: PattodiLuceOperaMusical

www.teatroleoamici.it   In scena ogni domenica ore 16.00

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento