Anche Riccione a Finale Emilia per la festa di ringraziamento in onore dei volontari del terremoto

Tra gli invitati alla festa di ringraziamento di domenica, la Croce Rossa Italiana di Finale ha voluto che ci fosse anche Luciano Achilli, volontario di lungo corso e neo consigliere comunale con delega alla famiglia nell’amministrazione Tosi

Foto di repertorio

Sarà un pranzo semplice, a base di carne alla griglia cucinata con attrezzature da campo, per ringraziare col cuore quanti, negli attimi dopo il terribile terremoto che ha colpito Finale Emilia e gli altri centri del Modenese nella notte del 20 maggio 2012, si sono adoperati per portare soccorso alla popolazione. Tra gli invitati alla festa di ringraziamento di domenica, la Croce Rossa Italiana di Finale ha voluto che ci fosse anche Luciano Achilli, volontario di lungo corso e neo consigliere comunale con delega alla famiglia nell’amministrazione Tosi, uno dei tanti accorsi sul luogo del disastro, assieme ad una delegazione di una quindicina di riccionesi raccolti nell’Associazione “La Riccione dna volta”.

“Svolgo l’attività di volontario dal 1978 – racconta Achilli – sono intervenuto nel terremoto dell’Irpinia del 1980, poi sono stato in Friuli, all’Aquila, e spero che quello del Modenese sia l’ultimo che mi tocca di vedere. Mi onora particolarmente questo invito della Croce Rossa di Finale perché è il segno della considerazione e della stima che ci siamo guadagnati sul campo, e perché dove arriviamo noi riccionesi sappiamo farci volere bene e stringere delle amicizie che rimangono nel tempo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento