Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Riccione

Ancora rapine di giovanissimi ai danni di coetanei: un arresto e due denunce per altri episodi

Nella notte tra domenica e lunedì sono state numerose, ancora una volta, le chiamate giunte al numero di emergenza 112 dei Carabinieri di Riccione, impegnati in numerosi interventi e servizi di controllo del territorio

Nella notte tra domenica e lunedì sono state numerose, ancora una volta, le chiamate giunte al numero di emergenza 112 dei Carabinieri di Riccione, impegnati in interventi e servizi di controllo del territorio. Infatti, proprio durante un mirato servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, i Carabinieri della Stazione di Riccione hanno sorpreso due minori, un italiano di 16 anni della provincia di Milano ed un venezuelano di 17 anni, anche lui del milanese, in possesso di alcune dosi di hashish. I due giovani, in prossimità della movida di viale Dante, sono stati sottoposti a controllo dai carabinieri che li avevano notati muoversi con fare sospetto. Dopo la perquisizione, sono stati sequestrati 8 grammi circa di stupefacente e per entrambi è scattata una denuncia a piede libero, d’intesa con l’Autorità Giudiziaria peri minori di Bologna.

Sempre nella notte, due giovanissimi, rispettivamente un ventenne di Biella ed un marocchino 19enne, sono stati rintracciati e riconosciuti quali autori di una rapina di una catenina consumata in zona Marano ai danni di un coetaneo svizzero in vacanza a Riccione. In particolare, per come ricostruito dalla vittima, i due, armati di coltello, sotto la minaccia dell’arma gli avrebbero strappato la catenina che portava al collo, guadagnando poi la fuga. Successivamente, in Piazzale Roma, la vittima, dopo aver riconosciuto i suoi aggressori, ha richiesto l’intervento dei carabinieri, i quali – giunti prontamente sul posto – hanno bloccato i due individui e li hanno condotti in caserma. Nei loro confronti è scattata una denuncia a piede libero per il reato di rapina, mandata alla Procura per i minorenni di Bologna.  

Poche ore prima, invece, i carabinieri erano riusciti a bloccare un trentenne marocchino che, dopo aver messo a segno – insieme ad un complice - il furto di un cellulare e di alcune banconote sotto l’ombrellone, si è dato alla fuga per le vie del centro. I militari, intervenuti sull’arenile in zona Piazzale Roma, hanno così ricevuto la descrizione dell’uomo e si sono messi sulle sue tracce, riuscendo a bloccarlo e a condurlo in caserma, dove è stato riconosciuto dalla giovane turista  vittima del furto, che però non è riuscita a recuperare il suo telefono. Il malvivente è stato invece denunciato.

Nella mattinata, infine, i carabinieri della Stazione di Riccione, a conclusione di una articolata attività investigativa, hanno dato esecuzione ad un provvedimento cautelare emesso dal tribunale dei minorenni di Bologna nei confronti di un 17enne originario dell'Afroca, riconosciuto quale possibile responsabile di una rapina consumata in piazzale Roma a Riccione lo scorso 23 giugno. In quell’occasione, i carabinieri erano riusciti ad arrestare in flagranza di reato un cittadino anche lui africano di 22 anni, recuperando parte del bottino rapinato, ovvero circa 20 euro, sottratti ad un modenese e ad un maceratese.  Per quanto disposto nel provvedimento, il ragazzo è stato portato in un centro di recupero a Bologna.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancora rapine di giovanissimi ai danni di coetanei: un arresto e due denunce per altri episodi

RiminiToday è in caricamento