Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Anziani, il difensore civico dell'Emilia Romagna: "Vanno consentite le visite ai parenti nelle Rsa"

Carlotta Marù: "Il protrarsi della pandemia rischia di danneggiare l'equilibrio psicofisico degli ospiti di queste strutture, sia persone anziane sia persone con disabilità"

Allentare le restrizioni e consentire le visite dei familiari ad anziani e disabili ospitati nelle strutture residenziali, utilizzando ad esempio i tamponi rapidi. A lanciare l'appello è il difensore civico dell'Emilia-Romagna, Carlotta Marù, che sollecita a "ricercare da subito soluzioni" per permettere gli incontri con i parenti.

Il protrarsi della pandemia, rimarca Marù, "rischia di danneggiare l'equilibrio psicofisico degli ospiti di queste strutture, sia persone anziane sia persone con disabilità". Per questo, insiste il difensore civico, occorre "trovare modalità che possano garantire la ripresa delle visite dei familiari, prevedendo tutte le precauzioni necessarie". Ad esempio, segnala Marù, "l'utilizzo del tampone rapido potrebbe già rappresentare una soluzione".
Il difensore civico ricorda che è un "diritto delle persone, ancora di più se in condizioni di fragilità, mantenere rapporti diretti con i propri cari". Inoltre, "l'isolamento forzato rischia di incidere negativamente sull'equilibrio psicofisico.
Non a caso la stessa Organizzazione mondiale della sanità definisce la tutela della salute come 'uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale', ovvero una condizione di armonico equilibrio funzionale, fisico e psichico dell'organismo integrato nel suo ambiente naturale e sociale", conclude Marù.

(Agenzia Dire)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anziani, il difensore civico dell'Emilia Romagna: "Vanno consentite le visite ai parenti nelle Rsa"

RiminiToday è in caricamento