Approvata la riforma del terzo settore, il plauso dell'onorevole Arlotti

"Si tratta di una riforma organica che anche a livello riminese ha coinvolto in un approfondito confronto le associazioni di volontariato e la cooperazione no-profit"

Uno dei passaggi più importanti della legislatura, che dà finalmente una risposta dopo decenni alle richieste  di associazioni, mondo no-profit e volontariato: la Camera ha approvato ieri in via definitiva la Riforma del Terzo Settore. “Si tratta di una riforma organica che anche a livello riminese ha coinvolto in un approfondito confronto le associazioni  di volontariato e la cooperazione  no-profit - ricorda Arlotti -. Un provvedimento molto  atteso anche nel nostro territorio, in cui Consorzio Sociale Riminese (che da solo nelle cooperative di tipo B dà lavoro a oltre 1000 persone di cui 40% svantaggiate), il Forum del Terzo Settore Provinciale, Volontarimini ed esperienze diffuse rappresentano un prezioso “capitale sociale” che ha contribuito ad apportare significative correzioni e integrazioni al testo finale della riforma. Il Terzo settore rappresenta una delle realtà economiche, sociali e giuridiche più rilevanti e dinamiche del nostro Paese”.

Obiettivo della legge è creare un sistema che favorisca la partecipazione attiva e responsabile delle persone, valorizzando il potenziale di crescita sociale e occupazionale presente nel campo dell’economia sociale. “Il provvedimento riforma organicamente la disciplina di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo non-profit, fondazioni, imprese sociali – spiega  il deputato -. La legge delega il Governo a varare nei prossimi 12 mesi i decreti legislativi in cui saranno previsti la stesura di un Codice del Terzo Settore con le disposizioni generali applicabili a tutti gli enti, la definizione delle forme e delle modalità di organizzazione, amministrazione e controllo, nonché le modalità di tutela dei lavoratori e della loro partecipazione ai processi decisionali; un Registro nazionale del Terzo Settore;  l’armonizzazione della normativa sul volontariato e promozione sociale anche in collaborazione con le scuole, valorizzando l’esperienza dei volontari in ambito formativo e lavorativo”.

“Verrà inoltre rivista la disciplina che riguarda le imprese sociali, con l’aumento delle categorie di lavoratori svantaggiati per realizzare nuove forme di inclusione; si passerà dal servizio civile nazionale ad universale, prevedendo uno specifico status giuridico per i volontari e consentendone l’apertura anche ai cittadini stranieri regolarmente residenti; verrà creato un Consiglio Nazionale del Terzo Settore in cui confluiranno l’Osservatorio nazionale per il volontariato e l’Osservatorio nazionale per l’associazionismo, organismo di consultazione che dovrà valorizzare le reti associative”. La delega prevede infine  la semplificazione della normativa fiscale e l’agevolazione delle donazioni, accanto all’istituzione di una fondazione (Italia Sociale) con lo specifico scopo di favorire l’incontro tra i finanziatori e gli enti beneficiari, dotata di un finanziamento di 1 milione di euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Accogliamo con grande soddisfazione - è stato il commento della Comunità di San Patrignano - l’approvazione in Parlamento della riforma del terzo settore, avendo ben chiaro quanto sia stato complesso e difficile il percorso perché si giungesse alla sua definizione. Siamo davvero contenti di alcuni miglioramenti introdotti, come la stabilizzazione e la maggior chiarezza rispetto al 5 per mille, le agevolazione fiscali delle donazioni, l’istituzionalizzazione definitiva delle imprese sociali riconoscendo tale status anche alle cooperative sociali. Si tratta di una tappa importante perché la collaborazione fra pubblico e privato possa essere sempre più proficua, con importanti prospettive di crescita anche relativamente all’utilizzo di strumenti di finanza sociale. Ora ci aspettiamo maggior celerità nella definizione dei decreti attuativi che il Governo è chiamato a mettere in campo, in modo da rendere quanto più concreta ed efficace l’applicazione della legge. Ci auguriamo che il Governo Renzi, così come aveva lasciato spazio a proposte del terzo settore per dare vita a questa riforma, prosegua con la stessa democraticità  nel momento in cui si discuteranno i decreti attuativi, coinvolgendo le associazioni e gli enti del no profit".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento