Approvato dalla Provincia il nuovo “Piano Faunistico Venatorio 2014-2018”

Il progetto è basato sulla massima valorizzazione delle potenzialità faunistiche territoriali e sul loro oculato utilizzo e avrà valore per cinque anni

Il consiglio della Provincia di Rimini ha approvato il nuovo “Piano Faunistico della Provincia di Rimini 2014-2018. L’obiettivo principale della pianificazione faunistica provinciale per il quinquennio 2014–2018 è l’applicazione dei dettami dichiarati dalla L. 157/92, in particolare per quanto riguarda l’attuazione di un modello gestionale “naturalistico”, basato cioè sulla massima valorizzazione delle potenzialità faunistiche territoriali e sul loro oculato utilizzo. 

Gli obiettivi generali della pianificazione faunistica provinciale per il quinquennio 2014–2018 sono: gestione faunistica dell’intero territorio provinciale basata prioritariamente sull’incremento e qualificazione degli interventi ambientali, gestionali e strutturali e delle risorse a ciò dedicate e sulla diminuzione dei ripopolamenti sia in quantità che per quanto riguarda le risorse a questi dedicate. Si punta al miglioramento della produttività delle Zone di Ripopolamento e Cattura (intesa nel senso più ampio, quindi non solo come numero di esemplari da catturare, ma anche in funzione di un maggiore irradiamento) da raggiungere tramite la gestione diretta da parte degli A.T.C. delle Z.R.C. e coinvolgendo direttamente il mondo agricolo.

E' prevista la revisione delle metodologie di ripopolamento di fagiano in tutto il territorio provinciale, azzeramento delle immissioni integrative tardo estive diffuse e diminuzione quantitativa complessiva dell’impiego di fagiani provenienti da allevamento di almeno il 30% rispetto alla media degli ultimi tre anni entro il quinquennio di programmazione – quantificazione dei ripopolamenti sulla base di opportuni censimenti e monitoraggi. Tra gli obiettivi il raggiungimento della copertura di almeno l’80% del fabbisogno di lepri da ripopolamento dell’intero territorio tramite la cattura locale (Z.R.C., Z.diR., Centri di riproduzione della fauna pubblici e privati, allevamenti estensivi e zone di riproduzione della fauna selvatica interni alle A.F.V.) e l’acquisto presso allevamenti estensivi locali; azzeramento dell’impiego delle lepri di importazione estera nei ripopolamenti – quantificazione dei ripopolamenti sulla base di opportuni censimenti e monitoraggi.

Si vuole recuperare e conservare la popolazione di starna quale elemento tradizionale della fauna stanziale. Incremento della presenza della pernice rossa nella fascia di territorio individuata quale potenzialmente adatta e contestuale diminuzione della presenza del fagiano. Revisione, entro il 2015, del regolamento relativo agli appostamenti fissi che preveda in particolare una più precisa definizione delle tipologie di appostamento realizzabili, modalità semplificate per le altane da ungulati, ridefinizione delle distanze in caso di adozione paratie, eventuale diversa durata dell’autorizzazione.

Tra gli scopi l'ncremento dell’attività di prevenzione danni alle colture agricole ed al bestiame di allevamento da parte della Provincia, degli A.T.C. e delle A.F.V. nei territori di propria competenza; l'ttuazione di un programma di monitoraggio del lupo e dell’avifauna migratoria non acquatica. Incremento qualitativo e quantitativo delle azioni di vigilanza in tutto il territorio provinciale, ed in particolare nelle Zone di Ripopolamento e Cattura, nelle Oasi e nelle Zone di Rispetto A.T.C., attivando tutte le opportunità previste dalla normativa (ad es. diretto coinvolgimento degli A.T.C. nella predisposizione delle attività di vigilanza).

Il piano prevede l'ndividuazione delle nuove Z.R.C. nelle aree di alta vocazione per le principali specie di fauna stanziale (nell’ordine: lepre, fagiano, starna, pernice) valutandone prioritariamente l’adiacenza o vicinanza alle attuali e prevedendo zone con dimensioni massime intorno ai 500 ettari. Individuazione delle eventuali nuove Oasi nei territori a più alto valore naturalistico, nei territori interessati da rotte migratorie principali e nei valichi montani.

Si vuole inoltre perseguire il contenimento entro limiti di tollerabilità dell’impatto del cinghiale sulle attività antropiche in generale ed agricole in particolare tramite l’attivazione obbligatoria di tutte le forme di caccia e di controllo possibili. E quindi prevenire i danni da canidi in genere e da lupo in particolare negli allevamenti del territorio. L'impegno della Provincia è quello di perorare le istanze degli allevatori in merito alla ridefinizione dei criteri di quantificazione dei danni (accertamento del danno indiretto: aborti degli ovini, mancata lattazione) come già avviene in altre Regioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Piano rappresenta il punto di equilibriodichiara l’assessore alle attività agricoltura della Provincia di Rimini, Fabio Galli tra le diverse aspettative del mondo agricolo, ambientalista e venatorio ed è la sintesi di un lungo lavoro di relazioni e concertazione tra i vari portatori di interessi. Rappresenta il frutto di un confronto ampio ed approfondito avvenuto nell’ambito della Consulta Venatoria (presenti le Associazioni Venatorie, Ambientaliste ed Agricole), e propone un modello gestionale naturalistico che punta all’incremento ed alla qualificazione degli interventi ambientali nel territorio provinciale riminese. Uno strumento attuale che configura un’attività venatoria moderna e compatibile, finalizzate a tutelare l’ambiente e la fauna protetta e ad incrementare nello stesso tempo le occasioni venatorie, implementando, a questi fini, gli interventi ambientali e la produzione locale di fauna per il ripopolamento dei territori di caccia programmata. Per questo si è puntato sull’aumento e la migliore gestione delle “Zone di Ripopolamento e Cattura” ed incrementando le attività di controllo e vigilanza sul territorio, delineando non già uno strumento fine a sé stesso, bensì una funzione attiva e consapevole nel più complesso sistema ambientale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nella mattinata, ragazzino perde la vita

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Stroncato da un'overdose, giovane padre di famiglia ritrovato senza vita nel garage

  • Si lascia cadere nel vuoto, gesto estremo di un ragazzo

  • Lo storico negozio annuncia la sua chiusura sui social dopo 54 anni di attività

  • Bellaria piange la scomparsa del 13enne, proclamato il lutto cittadino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento