rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Cronaca Santarcangelo di Romagna

Aree verdi e rotatorie curate dalle aziende: collaborazione comune/privati

L’assessore Donini: “Instaurato un rapporto vantaggioso per la città e per i privati”

Nel corso della mattinata di oggi (26 marzo 2019) il sindaco e gli assessori hanno incontrato e ringraziato personalmente le aziende che hanno aderito al bando per la valorizzazione e la manutenzione di alcune aree di verde pubblico nella zona artigianale. Si è dunque ufficializzato il primo rapporto di collaborazione tra amministrazione comunale e privati per la cura del verde pubblico, attraverso il quale gli imprenditori, a proprie spese, si sono impegnati a collaborare per l’allestimento e la gestione di alcune rotatorie. Nello specifico, attualmente sono tre quelle interessate dal progetto di collaborazione: la rotonda tra le vie Emilia e Montalaccio (sponsorizzata da Pneusmarket e Brighi infissi), quella tra le vie Emilia, Tosi e Gronda (Bilancioni e Antolini arredamenti) e la rotatoria tra le vie Tosi e del Leccio (Technipes). I progetti sono stati valutati da una commissione composta dall’Architetto Patrizia Fiannaca del Comune di Santarcangelo e Piero Botteghi di Anthea per la parte tecnica; Simone Nanni (Confartigianato) e Silvia Serra (CNA) per la parte legata alle aziende e Leonardo Blanco rispetto agli aspetti artistici. 

Soddisfatta l’Assessore alle attività economiche e turismo Paola Donini che sottolinea il valore della collaborazione tra Amministrazione pubblica e imprese: “Come già abbiamo fatto in altri ambiti, attraverso il bando di collaborazione abbiamo creato la possibilità di instaurare un rapporto vantaggioso per il pubblico e per il privato: la città vedrà migliorate le proprie aree verdi mentre le imprese potranno promuovere la loro attività e, attraverso l’abbellimento della zona in cui sono situate, ottenere anche un ulteriore ritorno di immagine positivo. Le rotatorie oggetto del bando sono vere e proprie porte della città che trasmettono un messaggio di benvenuto molto semplice – conclude l’assessore Donini – dal momento che non prevedono arredi urbani invasivi e ingombranti, ma si basano sulla valorizzazione del verde”. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aree verdi e rotatorie curate dalle aziende: collaborazione comune/privati

RiminiToday è in caricamento