menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In manette i predoni del gasolio: avevano appena 'svuotato' un bus

I Carabinieri della Stazione di Miramare hanno arrestato, per furto di gasolio e ricettazione, due stranieri rumeni. Avevano appena rubato 300 litri di gasolio da un autobus

Nel prosieguo dell’Operazione “Setaccio” scattata all’alba del giorno precedente e relativa a mirati e serrati controlli in residence e affittacamere, i Carabinieri della Stazione di Miramare hanno arrestato, per furto di gasolio e ricettazione, due stranieri rumeni, controllati  presso le stesse strutture controllate dai militari. Nella mattinata dello stesso giorno, infatti, il conducente di un autobus da turismo aveva denunciato ai militari di essere stato vittima di un furto di circa 300 litri di gasolio. I malviventi avevano forzato il tappo del carburante durante la notte, asportando poi tutto il liquido contenuto nel serbatoio.

GASOLIO TRA LE SIEPI - I Carabinieri, giunti sul luogo, hanno notato una lunga scia di nafta che dal mezzo conduceva dietro delle grosse siepi di una struttura alberghiera. E proprio lì c’erano 11 taniche piene di gasolio. E’ a quel punto che i Carabinieri, con l’intento di cogliere sul fatto i responsabili del furto mentre recuperavano le taniche, si sono appostati nei pressi della struttura e alle 18.30 la loro pazienza è stata ripagata: da un’autovettura condotta da una donna sono scese due persone che, con fare guardingo, si sono portate dietro all’hotel per recuperare le taniche.

Gasolio Mir2ok-2

IL BLITZ - E’ scattato perciò il blitz dei Carabinieri che hanno bloccato i due rumeni, D.M. 27/enne e M.L. donna 23 enne, tutti e due domiciliati in una delle strutture controllate il giorno precedente. Ai polsi dei due sono scattate immediatamente le manette con l’accusa di furto aggravato di gasolio e ricettazione mentre per la donna al volante dell’auto, rumena 31/enne con al seguito una bambina di 8 mesi, è scattata la denuncia in stato di libertà per concorso in ricettazione.

ARRESTATI - I due sono stati quindi assicurati alla giustizia e tradotti rispettivamente nel carcere di Rimini e Forlì: il loro fermo, nella mattinata di sabato, è stato convalidato ed il giudice per le indagini preliminari di Rimini, su conforme richiesta della locale Procura, ha applicato la misura cautelare della custodia in carcere. Il gasolio, con grande soddisfazione per il conducente dell’autobus, dopo le formalità di rito è stato ovviamente restituito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento