Sanguinosa lite a colpi di forbici: arrestato con l'accusa di tentato omicidio

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 con un'ambulanza e l'auto col medico a bordo

Foto di repertorio

E' accusato di aver aggredito un cittadino afgano di 36 anni con un paio di forbici. Un pakistano di 30 anni è stato sottoposto in stato di fermo dai Carabinieri con l'accusa di tentato omicidio. L'episodio si è consumato lunedì, mentre si trovavano in un campo non distante dalla comunità che li ospita. L'aggressione sarebbe sfociata al culmine di una lite per futuli motivi. Il ferito è stato portato all'ospedale "Cervesi" di Cattolica. E' in prognosi riservata, ma non in pericolo di vita. L'aggressore è stato fermato dal personale dell'Arma su disposizione del sostituto procuratore Davide Ercolani. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, i due stavano raccogliendo delle cipolle, quando il trentenne ha richiamato l'afgano perchè non stava facendo bene il proprio lavoro. Nè è nata una discussione al culmine della quale il pakistano si è avventato sul 36enne. Prima l'avrebbe colpito con un pugno alla schiena e successivamente ha afferrato un paio di forbici per aggredirlo alla testa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento