Arzillo 60enne aggredisce l'addetto alla sicurezza del supermercato

L'anziano, già noto per il suo carattere irascibile, è andato in escandescenza per la lunga fila alla cassa

E' stata quella che, a suo dire, era una fila troppo lunga alla cassa del supermercato a far perdere le staffe a un 60enne riminese che, dopo esseresela presa con la cassiera, ha aggredito la guardia giurata del negozio. Un vero e proprio parapiglia, quello scatenato dall'arzillo anziano, che si è concluso con l'intervento del 118 e della polizia di Stato che lo ha ammanettato. Il tutto è andato in scena in un negozio di Miramare dove, il 60enne, era già conosciuto per il suo carattere irascibile. Dopo aver fatto la spesa, l'uomo si è messo in fila alla cassa e durante quella che per lui era una lunga attesa ha iniziato a insultare la cassiera pretendendo l'apertura di un'altra corsia. L'addetto alla vigilanza ha cercato di calmarlo e di non reagire alle offese che gli sono arrivare a sua volta e, questo atteggiamento, ha fatto infuriare ancora di più il 60enne che gli ha sferrato due pugni al volto rompendogli il setto nasale.

L'aggressione ha fatto scattare l'allarme e, sul posto, è accorsa una Volante con gli agenti che hanno imobilizzato l'anziano per poi caricarlo sulla pattuglia e portarlo in Questura. L'addetto alla sicurezza, invece, è stato soccorso dal personale del 118 e portato in ospedale per le cure del caso. Il 60enne sarà processato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate oltre che denunciato per interruzione di pubblico servizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento