Assalto al Luxury Watches di via Garibaldi, quattro banditi armati fuggono col bottino

Aggredito il titolare del negozio di orologi di lusso che ha cercato di bloccare i malviventi all'interno che sono stati costretti a sfondare la vetrina per darsi alla fuga

Pomeriggio da Arancia Meccanica nel cuore del centro storico di Rimini quando, verso le 16.30, un commando di 4 malviventi con accento dell'est Europa ha rapinato il Luxury Watches di via Garibaldi. Secondo quanto merso, il titolare era appena uscito dal negozio insieme a una commessa mentre, un'altra dipendente, era rimasta all'interno. Subito dopo, sono entrati quattro individui, uno dei quali armato di pistola, che ha puntato l'arma alla faccia della commessa mentre, i complici con una mazza, hanno iniziato a frantumare le vetrine per fare piazza pulita dei preziosi orologi.

IL VIDEORACCONTO DELLA TESTIMONE

Accortosi del frastuono e delle urla, il titolare è tornato immediatamente sui suoi passi e, dall'esterno, ha visto i malviventi che stavano facendo razzia. Visitisi scoperti, i banditi hanno cercato di uscire ma, il titolare, ha cercato di bloccare la porta per evitare di farli fuggire. Ne è nata una collutazione con i rapinatori che, per darsi alla fuga, hanno infranto dall'interno il vetro blindato della porta ferendo il padrone del negozio al volto con alcune schegge di vetro. Una volta fuori, i malviventi sono scappati a piedi mentre, in via Garibaldi, sono accorse le pattuglie della polizia di Stato e dei carabinieri. Questi ultimi, che procedono con le indagini, hanno eseguito i rilievi di rito prelevando le impronte trovate sul posto e alcune tracce ematiche lasciate, probabilmente, dai rapinatori in fuga. Secondo le prime indiscrezione, la banda sarebbe riuscita ad impossessarsi di alcuni orologi di valore.

Poco più di un mese fa l'orologeria del centro storico era stata presa di mira da due individui, travisati da caschi integrali e con guanti calzati. Dopo aver fatto esplodere una carica esplosiva davanti alla vetrina di una nota gioielleria ubicata in via Garibaldi, usando delle mazze, aveva infranto le vetrinette interne nel tentativo di rubare gli orologi esposti. Tuttavia avevano potuto arraffare soltanto pochissimi oggetti a causa dell’immediato intervento dei poliziotti. Il modus operandi dei rapinatori entrati in azione, ricorda molto da vicino quello dei tre che, lo scorso 10 giugno, misero a segno un colpo simile ai danni della gioielleria Bartorelli di Riccione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento