menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assistenza anziani, i sindacati: "59 persone decedute nelle Rsa, si lavori per le case salute"

Cgil, Cisl e Uil: "L'emergenza Covid ha fatto affiorare fragilità fino ad ora non così evidenti"

Nelle strutture residenziali per anziani dell’Emilia-Romagna al 6 luglio sono stati registrati tra gli anziani ospiti 4.538 casi positivi al Covid-19, in Romagna sono stati 603 di cui 161 deceduti e di questi 59 nel territorio riminese. I dati sono messi in luci da CGIL, Cisl e Uil che in una nota congiunta sostengono come l’emergenza abbia fatto affiorare fragilità fino ad ora non così evidenti: "nella logistica, nel numero e nella formazione degli operatori, nella difficoltà di integrazione con il sistema sanitario, nella grave difficoltà a reperire i DPI, solo per citarne alcuni, ma anche nella stessa capacità di controllo e governo del committente pubblico".

I sindacati, considerata la situazione, hanno chiesto un confronto con la Regione ma anche anche con i distretti sanitari del territorio. E’ stata inviata una richiesta formale di confronto alle due presidenti Gloria Lisi (Rimini Nord) e Renata Tosi (Rimini Sud) con anche alcune linee di lavoro mirate a innovare il sistema di assistenza agli anziani.

"La residenzialit ha mostrato di essere una risposta non adeguata alla fragilità degli anziani e dei disabili - spiegano i sindacati - specie per soggetti affetti da pluripatologie e da un alto grado di non autosufficienza. Di contro, la rete territoriale delle cure primarie mostra di poter svolgere un ruolo importante nel contrasto al virus e non solo. Va, quindi, rilanciata l’idea dell’integrazione dell’intera filiera socio-sanitaria del territorio su cui programmare gli investimenti. Vanno potenziate e consolidate le cure primarie, gli Ospedali di Comunità (OSCO) che rappresentano il nodo sanitario della rete delle cure intermedie, le Case della Salute e le Unità Speciali di Continuità Assistenziale (USCA) che svolgono attività domiciliari per i pazienti. Nella provincia di Rimini le Case della Salute sono 5, ma, a tutt’oggi, non rispondono pienamente ai compiti loro assegnati, né per dimensioni né per quantità e qualità dei servizi prestati agli utenti. Chiederemo anche che venga individuato al più presto il sito dove realizzare la Casa della salute del Comune di Rimini tenendo presente che non possa trattarsi di un luogo isolato e periferico, non sufficientemente servito".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rimini sotterranea tra misteri e curiosità

Attualità

Simona Ventura fa tappa anche in un famoso locale della Valmarecchia

Attualità

Ciak in Romagna, avanti con i casting per il film "Le proprietà dei metalli"

Auto e moto

Cambio gomme: scatta l'obbligo di montare le estive


Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Speciale

    In fila alla cassa o sdraiati sul divano?

  • Cronaca

    Un videogame ambientato a Rimini coi personaggi della città

  • Video

    VIDEO | Tromba d'aria in mare

Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento