rotate-mobile
Cronaca Riccione

Assobalneari dice stop alla Notte Rosa: "Proponiamo di fare un referendum. Decidano i cittadini"

Il presidente regionale Ezio Filipucci: "Questa manifestazione non rovina solo l'immagine di Riccione per un fine settimana ma per tutta la stagione, vanificando gli sforzi degli imprenditori che investono in qualità"

A Riccione non si placa la polemica in riferimento alla Notte Rosa. Sul tema dopo le dure parole dell'ex candidato sindaco Stefano Caldari e della parlamentare della Lega Elena Raffaelli, ora interviene anche Ezio Filipucci, presidente regionale Assobalneari – Confindustria Emilia Romagna: "La notte rosa come è oggi, serve solo a spacciatori di droga e venditori di alcool fuori controllo. Quest'evento già da diversi anni spaventa le famiglie e la bella gioventù e riempie Riccione di ragazzini in cerca di sballo da postare sui social. Se come Riccione vogliamo mantenere una clientela medio alta dobbiamo assolutamente evitare eventi come l'attuale notte rosa".

E ancora: "Si scielga la via più democratica chiedendo ai riccionesi tutti, operatori turistici e non, con un referendum se sono pro o contro a questa manifestazione che non rovina l'immagine di Riccione per un solo fine settimana ma per tutta la stagione, vanificando tutti gli sforzi di quegli imprenditori che investono nella qualità. Le sinergie con il resto del territorio vanno bene se anche loro decidono di puntare sulla qualità, altrimenti cercare risultati effimeri con gli alpini e la notte rosa trascinerà anche Riccione verso il declino".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assobalneari dice stop alla Notte Rosa: "Proponiamo di fare un referendum. Decidano i cittadini"

RiminiToday è in caricamento