rotate-mobile
Cronaca

L'associazione degli Alcolisti Anonimi compie 50 anni, il raduno annuale in programma al palaCongressi

Alcolisti Anonimi nasce nel 1935 negli Usa, e da allora si è diffusa praticamente in tutto il mondo. In Italia AA approda nel 1972 ed è presente in tutte le regioni con circa 450 gruppi

Quest’anno ricorrono 50 anni di attività nel territorio dell'associazione Alcolisti Anonimi e l'anniversario verrà festeggiato al Raduno annuale che si terrà a Rimini il 23-24-25 di settembre al Palacongressi. Nella manifestazione il sabato pomeriggio, dalle 15,30 alle 18 si terrà una Tavola Rotonda con qualificati ospiti come Stefano Bonaccini presidente della Regione Emilia Romagna; Emanuele Scafato direttore dell'Osservatorio Nazionale Alcol-Istituto Superiore Sanità; Kristian Gianfreda assessore alla Salute del Comune di Rimini; colonnello Mario La Mura
Comandante Provinciale Carabinieri di Rimini; dottoressa Alessandra Medolla medico di Medicina Generale.

Alcolisti Anonimi nasce nel 1935 negli Usa, e da allora si è diffusa praticamente in tutto il mondo. In Italia AA approda nel 1972 ed è presente in tutte le regioni con circa 450 gruppi. Alcolisti Anonimi è composta esclusivamente da alcolisti in recupero: all’interno dei gruppi non vi sono operatori sociali né educatori o professionisti del settore, ma vi è solo chi del problema ne ha avuto esperienza diretta e concreta. A.A. è una associazione di auto-aiuto e non di volontariato: l’alcolista anonimo cerca spontaneamente e senza alcun compenso di aiutare chi ancora non ha trovato
una via d’uscita, perché aiutando gli altri in realtà aiuta se stesso a consolidare la raggiunta sobrietà e a migliorare lo stile di vita.

Alcolisti Anonimi opera facendo leva unicamente sulle proprie risorse: l’associazione si regge sui contributi volontari dei propri membri e non richiede né percepisce sostegni economici esterni di alcun genere. A.A. non si impegna in progetti di ricerca né in campagne di prevenzione: l’associazione si concentra unicamente nell’opera di recupero dei propri membri e di attrazione verso nuovi alcolisti desiderosi di aiuto. Peraltro AA non aderisce formalmente ad altre organizzazioni e istituzioni. Alcolisti Anonimi richiede che si osservi il principio dell’anonimato, sia perché questo assume un profondo significato spirituale che esorta a porre i principi dell’associazione al di sopra della personalità dei singoli componenti, sia a tutela dei membri di AA.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'associazione degli Alcolisti Anonimi compie 50 anni, il raduno annuale in programma al palaCongressi

RiminiToday è in caricamento