menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Auguri ‘olimpici’ per il Lions Club Valle del Conca con i campioni del nuoto Martina Grimaldi e Fabio Scozzoli

L’occasione è stata anche ideale per congratularsi con il past president del Distretto 108/A, Ezio Angelini, che riceverà in premio dal Comune di Morciano il Mercurio d’oro in qualità di ‘cittadino dell’anno’

Auguri olimpici per il Lions Club Valle del Conca. In occasione della Cena degli Auguri, i soci hanno ospitato a Morciano i nuotatori azzurri Martina Grimaldi e Fabio Scozzoli, due tra i più rappresentativi e promettenti campioni della Nazionale italiana, accompagnati dall’allenatore Fabio Cuzzani, che guida Martina dall’età di 16 anni. I due ragazzi entrambi 25enni, lei bolognese e lui forlivese sono stati i protagonisti del terzo appuntamento del ciclo di incontri con personaggi di spicco del mondo dell’imprenditoria, spettacolo e sportivo sul ‘Pensiero positivo’ proposto dal presidente del Club Andrea Carnemolla, che è anche vicepresidente regionale della Federazione Italiana Nuoto.

L’occasione è stata anche ideale per congratularsi con il past president del Distretto 108/A, Ezio Angelini, che riceverà in premio dal Comune di Morciano il Mercurio d’oro in qualità di ‘cittadino dell’anno’. Il presidente di Club, Andrea Carnemolla, nel messaggio augurale ha voluto sottolineare come “nella vita di ciascuno debba esserci ‘agone’ ovvero la voglia di gareggiare, di mettere in gioco le proprie capacità e attitudini”. Ha sottolineato come il Club sia a livello regionale uno dei più attivi in campo solidale e propositivi in tema di iniziative. Caratteristiche fondamentali realizzare il senso vero dell’essere Lions, ovvero al servizio del prossimo.

La serata è stata entusiasmante grazie al ‘gioco di squadra’, tra atleti e responsabile della Federazione, che hanno regalato ai 100 presenti grinta e simpatia. I due sportivi si sono raccontati, spaziando dalle prime vasche alle medaglie dei modiali e olimpiadi, parlando di sogni, amori, esperienze e obiettivi. La loro umiltà e semplicità ha sorpreso tutti. Nonostante siano due tra i migliori atleti al mondo hanno sottolineato l’ammirazione personale verso grandi campioni da Usain Bolt che hanno incontrato al villaggio olimpico e per Federica Pellegrini, “l’atleta femminile più rappresentativa d’Italia, portabandiera assieme a Valentino Rossi dello sport italiano nel mondo”. Per entrambi il momento più significativo nella loro formazione coincide con il passaggio dall’attività agonistica a quella professionistica, all’età di 16–18 anni coincidente con i primi grandi successi in campo nazionale ed internazionale.

Il momento più intenso della loro carriera corrisponde senz’altro con la partecipazione ai giochi olimpici, non solo per la loro storia e per il loro prestigio, ma soprattutto per la difficoltà nell’ottenere la qualifica necessaria a parteciparvi, tanto che per molti è una occasione unica nella vita. Essere grandi campioni significa però dedicare energie fisiche e mentali alla propria attività, infatti i due ragazzi si allenano dalle 5 alle 8 ore al giorno per sei giorni a settimana, cercando di mantenere uno stile di vita sano ed equilibrato.

La caratteristica principale per un campione è mantenere sempre saldo e ben chiaro il proprio obiettivo, perseguirlo con fiducia, caparbietà e determinazione. Un messaggio positivo lanciato a Natale e alle porte di un nuovo anno a tutti i giovani, loro coetanei, impegnati in ogni settore. Perché per Fabio e Martina la ‘ricetta del successo’ è sempre la stessa, affrontando con umiltà e gradualità tutti gli step necessari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento