Aumenta il consumo di droghe tra i giovani: "Nesso con dipendenza da gioco"

La Comunità di San Patrignano, commentando la Relazione al Parlamento sulle tossicodipendenze, sottolinea che non "sorprende l’allarme per l’aumento del consumo di droghe fra i giovani"

La Comunità di San Patrignano, commentando la Relazione al Parlamento sulle tossicodipendenze, sottolinea che non "sorprende l’allarme per l’aumento del consumo di droghe fra i giovani. Un aumento che riguarda la cannabis, e che a cascata interessa anche tutte le altre sostanze stupefacenti. Che la cannabis sia una porta d’accesso privilegiata all’uso delle altre droghe d’altronde è dimostrato da più ricerche scientifiche e dalle evidenze di San Patrignano dove il 96% dei 1300 ragazzi presenti ha fatto uso di hashish".

"Quello che ci spaventa è che, al di là di questo allarme, nei prossimi giorni purtroppo questo problema cadrà nuovamente nel dimenticatoio - evidenziano da San Patrignano -. La situazione emersa dalla Relazione è infatti figlia di una società in cui la droga è considerata dai più un problema marginale, quando non un normale vizio. Un’attenzione sempre minore sottolineata anche dalla costante diminuzione di fondi dedicati alla prevenzione, missione invece essenziale per la nostra comunità, impegnata in prima linea con il progetto WeFree".

"Sappiamo bene quanti giovanissimi incontrino troppo facilmente le sostanze - sottolineano dalla Comunità -. Non a caso all’interno della nostra comunità abbiamo un centro per ragazzi minorenni tossicodipendenti che stiamo ampliando per poter rispondere alla crescente domanda di aiuto. Tutti giovanissimi che avevano trovato nelle sostanze un modo per riempire il vuoto della loro vita, una risposta sbagliata al loro disagio. Un disagio che è lo stesso dei tanti ragazzi che, come messo in evidenza dalla Relazione, associano all’uso di droghe la dipendenza dal gioco".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Se il 35,2% dei giovani che gioca quasi ogni giorno fa anche uso di sostanze stupefacenti, allora il nesso è evidente. Dietro questo la mancanza di valori, l’assenza di una corretta educazione alla vita - osservano da San Patrignano -. Per questo oltre che come comunità antidroga, San Patrignano intende sempre più porsi come realtà in grado di offrire un sostegno dal punto di vista educativo a tutti quei giovani che avanzano una richiesta d’aiuto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amici o fidanzati non conviventi in auto: quali sono le regole da seguire?

  • Trucca lo scontrino per pagare meno la spesa, denunciato per truffa

  • Sacerdote riminese allontanato dalla diocesi, su di lui indagine per droga e pedopornografia

  • Grave incidente nella notte, un ferito ricoverato in Rianimazione

  • Coronavirus, il bollettino: l'attività di screening scopre due positivi asintomatici

  • Nuovi casi di Covid-19 tutti asintomatici, decisa regressione dell'epidemia

Torna su
RiminiToday è in caricamento