Cronaca

Baby gang specializzata in estorsioni, arrestato anche il capo

Individuato dai carabinieri della Compagnia di Novafeltria quello che è ritenuto il capo-banda che imperversava nella Valmarecchia terrorizzando i coetanei e spacciando stupefacenti

E' un 19enne il "capo" della baby gang, specializzata in estorsioni e spaccio, finita nei guai lo scorso gennaio quando i carabinieri della Compagnia di Novafeltria avevano arrestato tre dei componenti. In seguito a ulteriori indagini, gli inquirenti dell'Arma sono risaliti fino a quello che è ritenuto il capo-banda, che è finito agli arresti domiciliari. Il gruppo, secondo quanto emerso, da tempo terrorizzava i coetanei. A far partire l'inchiesta era stata un'estorsione messa in atto dalla baby gang nei confronti di un 19enne residente nella provincia di Pesaro-Urbino. I ragazzini, che all'epoca erano tutti minorenni tranne il loro capo, secondo gli accertamenti degli inquirenti dell'Arma, avevano preso di mira la vittima e con una serie di minacce e ritorsioni pretendevano da lui varie somme di denaro. Uno dei tre, poi, avrebbe strappato dalle mani del 19enne il cellulare per poi pretendere 150 euro per riconsegnarlo. All'epoca, a finire agli arresti presso una comunità, erano stati due 18enni e un 17enne. A casa di uno dei maggiorenni, perquisita dai carabinieri al momento dell'arresto, era stata trovata anche della marijuana e gli investigatori dell'Arma avevano sospettato che il gruppo avesse anche messo in piedi un piccolo giro di spaccio tra i giovani dell'alta Valmarecchia. Il "capo" della baby gang, adesso, dovrà rispondere dei reai di rapina ed estorsione in concorso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baby gang specializzata in estorsioni, arrestato anche il capo

RiminiToday è in caricamento