Barista si rifiuta di far usare la toilette, il cliente lo prende a sassate

Visti i comportamenti poco coretti tenuti in passato dall'aggressore, il titolare del locale lo aveva cacciato

Visti i comportamenti poco corretti del cliente, tenuti in passato, il titolare di un locale sul porto di Rimini si è rifiutato di far utilizzare la toilette a un tunisino 29enne scatenando la furia del nordafricano. Il parapiglia è avvenuto nella mattinata di martedì quando, il personale della polizia di Stato, è stato chiamato dal locale. Al loro arrivo, gli agenti hanno fermato uno straniero e una ragazza in via Sinistra del Porto riuscendo a ricostruire quanto accaduto. Secondo quanto emerso, la coppia si era presentata nel locale col 29enne che ha chiesto di andare in bagno ma il barista, riconoscendolo come protagonista di incresciosi avvenimenti all’interno del locale, si è opposto. E' stato a questo punto che il nordafricano, uscendo, ha afferrato delle pietre dalla strada e, mimando di tirarle contro il bar, ha urlato: "Vedi questi sassi? Io te li tiro e stanotte vengo qui e ti spacco tutto il locale”. Il titolare ha cercato di opporre resistenza ma, il 29enne, lo ha preso a pugni al volto e al capo provocandogli una tumefazione a un occhio. Il tunisino, insieme alla donna, sono stati portato in Questura dove lo straniero, già noto alle forze dell'ordine, è stato denunciato lesioni e minaccia aggravata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento