Batterie di pallinari scovate dalla Municipale, multe per 10mila euro

Gli agenti sono intervenuti anche nelle colonie abbandonate “Murri” ed ex “Enel”, denunciati 9 senzatetto

Rimane costante il presidio del territorio da parte degli  agenti della Polizia Locale di Rimini che, anche in questi giorni di fine agosto, sono impegnati nei numerosi servizi di controllo. Un’attività che nelle ultime due giornate ha portato altri risultati in termini di prevenzione e repressione dei fenomeni di degrado. Controlli che si sono concentrati in modo particolare sull’occupazione abusiva delle colonie e delle strutture abbandonate ed il contrasto ai cosiddetti  “pallinari” che, approfittano dell’ingenuità di alcuni turisti, per truffarli con il “gioco delle campanelle”. Si sono concentrati proprio su questo fenomeno i servizi che vengono svolti in ora serale come mercoledì scorso quando due pattuglie di agenti in borghese sono intervenuti ripetutamente lungo i viali di Marina Centro: sia su viale Vespucci che su viale Regina Elena. Un servizio che ha portato ad elevare in tutto 10 sanzioni, da 1000 euro ciascuna, contestate a 4 gruppi diversi di “pallinari”, intenti ad ingannare i turisti con la loro attività irregolare. Le sanzioni sono state elevate a 10 persone diverse, tutte provenienti all’Europa dell’est, identificate, che operavano in 4 diversi punti della zona controllata dai vigili. Con la medesima modalità d’intervento, cioè isolare prima il palo, gli agenti sono riusciti a sorprendere i pallinari mentre operavano sui “tavolini da gioco” dove si accalcavano anche diversi turisti stranieri, interrompendo così le attività illecite vietate dal regolamento comunale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella stessa serata agenti in borghese sono intervenuti anche nelle colonie abbandonate “Murri” ed ex “Enel”, dove hanno trovato 9 persone di origini senegalesi, che sono state identificate e denunciate all’articolo 633 del Codice di Procedura Penale  per l’occupazione abusiva di edificio abbandonato. La stessa denuncia ha riguardato, il servizio del giorno successivo - giovedì 27 agosto - quando nel turno pomeridiano altre presenze irregolari sono state sorprese in una struttura abbandonata lungo la via Marchese. La ex casa cantoniera è stata controllata da una pattuglia della Polizia Locale con l’ausilio delle unità cinofile. Sono stati infatti  i due cani poliziotto, Pablo e Bruce, uno per il controllo antidroga e l’altro per i servizi di sicurezza, ad accompagnare gli agenti in questa operazione che ha portato ad identificare e denunciare altre 5 persone che avevano occupato abusivamente la casa, tra cui un italiano e 4 extracomunitari.   Dopo  l’intervento gli agenti hanno diposto, coordinandosi con i responsabili della struttura, tutte le operazioni di ripristino dei luoghi, per richiudere gli accessi dai quali si erano introdotti gli occupanti abusivi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Lo storico negozio annuncia la sua chiusura sui social dopo 54 anni di attività

  • Regolamento di conti per droga sfocia in tentato omicidio: giovane lotta per la vita, due arresti

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

  • Fare la spesa, dove si risparmia a Rimini

  • L'hotel non rispetta le norme anticontagio: scatta la chiusura e una maxi multa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento