Cani in spiaggia, l'assessore Frisoni: "Discutiamo la possibilità di far fare loro il bagno in mare"

La responsabile del Demanio: "Una possibilità che avevamo annunciato già lo scorso inverno e su cui ci siamo confrontati con tutti gli operatori di spiaggia"

“L’Ausl Romagna ha inviato ieri ai Comuni della costa - ha annunciato l'assessore al Demanio, Roberta Frisoni - le indicazioni generali che disciplinano l’accesso in spiaggia e agli stabilimenti balneari degli animali d’affezione, rispondendo quindi alla richiesta dei Comuni e degli operatori, sempre più attenti a rendere le loro spiagge ‘dog-friendly’. E’ sulla base degli indispensabili requisiti tecnici e sanitari elencati dall’Azienda Sanitaria che definiremo nel dettaglio il provvedimento che consentirà anche ai cani la balneazione nelle nostre acque e che discuteremo in Giunta già la prossima settimana. Una possibilità che avevamo annunciato già lo scorso inverno e su cui ci siamo confrontati con tutti gli operatori di spiaggia, con l’obiettivo di rispondere ad un’esigenza dei cittadini e dei turisti, che sempre più numerosi scelgono di andare in vacanza con gli amici a quattro zampe al seguito. Le indicazioni dell’Ausl riguardano in generale le aree di accoglienza animali presenti sull’arenile, previste dall’ordinanza balneare regionale. Sul fronte procedurale, l’azienda sanitaria chiede i concessionari e affidatari delle zone di spiaggia presentino Scia ai Comuni dove si precisa l’intenzione di destinare uno specchio di acqua agli animali, indicando anche la planimetria. I tempi e i modi dell’accesso all’acqua saranno definiti dall’ordinanza comunale, che individuerà precisi periodi e fasce orarie in modo tale da garantire l’indispensabile equilibrio tra benessere dei bagnanti, benessere degli animali e condizioni di lavoro degli operatori. L’Ausl chiarisce comunque un requisito indispensabile: la presenza dei cani in acqua non potrà prescindere dalla presenza dei detentori. Dunque in acqua sì, ma assolutamente controllati e seguiti dai propri responsabili. Le direttive dell’Ausl inoltre precisano che il concessionario dello stabilimento balneare dovrà fornire al detentore del cane che intende fruire delle aree attrezzate e anche dello specchio d’acqua a loro dedicato tutte le informazioni e le documentazioni sui contenuti dell’ordinanza balneare, regionale e locale, e sugli specifici regolamenti e sarà chiesto di sottoscrivere un atto dove dichiara di essere a conoscenza delle normative e che il cane o i cani di cui si chiede l’accesso in spiaggia non siano stati oggetto di prescrizioni restrittive in merito alla tutela della salute pubblica. Sulla scorta di queste indicazioni – che già disciplinano la presenza sull’arenile degli animali d’affezione - andremo quindi ad adottare un provvedimento sperimentale ad hoc definendo modalità e tempi per la balneazione, tenendo conto delle peculiarità della nostra costa. Si tratta di un’operazione che ci consentirà  di testare l’iniziativa e di arricchire il già vasto ventaglio di servizi rivolti ai bagnanti, nello spirito di accoglienza e innovazione che da sempre contraddistingue il nostro territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento